-1
archive,tag,tag-vittorio-boarini,tag-520,cookies-not-set,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Cinema | Il giovane Marx

Amici carissimi, voglio raccomandarvi vivamente di vedere "Il giovane Karl Marx", una coproduzione francese, tedesca e belga diretta da Raoul Peck. Questo cosmopolita regista haitiano, cresciuto a Berlino e vissuto in Congo, ha portato per la prima volta sullo schermo, e molto dignitosamente, la figura del

Il cerchio di gesso. Recensione

di Piero BEVILACQUA – Il cerchio di gesso – che sembra riprendere il titolo di un dramma teatrale di Bertoldt Brecht – è in realtà il segno che la polizia scientifica traccia intorno ai fori lasciati dai proiettili in seguito ad una sparatoria. E questo titolo, molto

Il cerchio di gesso. Antologia (1977-1979)

Forse i frequentatori dell'Officina ricordano l'articolo che Vittorio BOARINI scrisse nel febbraio scorso a proposito dei fatti del 1977 a Bologna. Nell'articolo si parlava anche della rivista "Il cerchio di gesso". Segnaliamo in proposito che è prevista per l'8 marzo prossimo l'uscita di un'antologia di saggi apparsi

Happy end. Ovvero, la classe morta

di Vittorio BOARINI – Del film di Michael Haneke Happy End, presentato in concorso quest’anno a Cannes, la critica ha parlato ampiamente e ancora oggi, che l’opera è uscita nelle sale italiane, i nostri recensori le hanno dedicato largo spazio. Doverosamente perché l’autore, del quale dobbiamo

Il cinema e le quattro giornate di Napoli

di Vittorio BOARINI – La bella recensione che Piero Bevilacqua ha fatto al libro di Giuseppe Aragno mi ha portato alla memoria il capolavoro di Luigi Comencini Tutti a casa, uscito nel 1960. Gli interpreti principali sono Alberto Sordi e Serge Reggiani, ma va citato anche il

In memoria di Concetto Pozzati, uno di noi

di Vittorio BOARINI – L’amico Concetto Pozzati, dopo lunga malattia, ci ha lasciato. Aveva attivamente collaborato a far decollare la nostra impresa, della quale era entusiasta, ma la sorte gli ha impedito di partecipare al suo consolidamento. L’Officina dei saperi perde un compagno d’avventura, un artista straordinario,

Dio denaro. Marx illustrato ai ragazzi

Segnalazione bibliografica di Vittorio BOARINI – Karl Marx, DIO DENARO, Editore Gallucci, collana "Gallerìa", giugno 2017 Nell'attuale fase di sviluppo del capitale finanziario è più che mai attuale la forza critica di questa paginetta contro il potere del denaro, tratta dai Manoscritti economico-filosofici, scritti da Marx nel

1977: indiani metropolitani e creatività eversiva

Concetto Pozzati, INDIANI E INDIANI, collage, 76x56 cm In quest'opera, realizzata subito dopo i fatti del 77, Concetto Pozzati, continuando stilisticamente la sua originale interpretazione della Pop Art, coglie con intelligenza artistica uno dei momenti chiave di quella rivolta. Gli indiani metropolitani e la nuova creatività,

Kaurismäki. Dalla parte dei marginali

Vi sono film che, soprattutto per la loro qualità culturale (estetica si diceva una volta), hanno l’efficacia argomentativa di un saggio e, a volte, anche maggiore. È il caso dell’ultima opera di Aki Kaurismäki, attualmente in programmazione, L’altro volto della speranza, della quale riteniamo opportuno

Il settantasette oggi

di Vittorio BOARINI – L’impegno dei media a ricordare la rivolta degli studenti, avvenuta nel 1977, che ebbe la sua acme a Bologna con l’uccisione di Francesco Lorusso, non ha contribuito, salvo rare e lodevoli eccezioni, a favorire la riflessione sul significato profondo di quegli eventi

Bologna. Quarant’anni da “Il libro Paradiso”

Lettera di Vittorio BOARINI – 12 febbraio 2017 Cari amici, leggendo la stampa e seguendo la TV, uniche fonti informative anche per me che abito a Bologna, ho fatto alcune riflessioni, che voglio condividere con voi, partendo dalla reazione degli studenti ai provvedimenti delle autorità accademiche tesi a regolare

Cinema e officina. Il lavoro sullo schermo

di Vittorio BOARINI – Un fotogramma tratto dal primo film della storia del cinema, La sortie des usines Lumière (1895), che mostra l'uscita delle maestranze dalla fabbrica. I fratelli Lumière, Auguste e Louis, utilizzano la loro "magnifica invenzione" per filmare le lavoratrici e i lavoratori delle loro officine.