-1
archive,tag,tag-universita,tag-126,cookies-not-set,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Dopo il 68. L’università è un ingozzatoio di oche

intervista a Giancarlo CONSONNI di Niccolò DE MOJANA, da "La poesia e lo spirito", 28 maggio 2018 La funzione dell’Università L’Università oggi dovrebbe porsi lo scopo di collocare gli studenti nel mondo del lavoro o di poter garantire loro una formazione seria nell’ambito degli studi (umanistici e scientifici)? E come

Quanto vale una laurea. Il nostro dibattito

28 febbraio 2018 Cari e care, non so se avete letto ieri su Repubblica le proposte di Massimo Cacciari sull’Università. Ve ne riporto un pezzo: «Puntare davvero su un modello competitivo; rendere reale l’autonomia delle sedi universitarie; permettere a ciascuna di elaborare proprie strategie dall’offerta didattica alla selezione

Aprire le porte. Scuola e università pubbliche

Iniziativa pubblica su scuola e università promossa da: Officina dei Saperi, Associazione nazionale per la scuola della Repubblica, Appello per la scuola pubblica, Comune-info.net. Clicca qui per leggere la locandina. Clicca qui per leggere la Carta di Roma per la Scuola pubblica. Roma, venerdì 16 marzo, anfiteatro

Università. Il declino nel silenzio dei partiti

di Piero BEVILACQUA, da "il manifesto", 11 gennaio 2018 A proposito della proposta di Pietro Grasso, di abolire le tasse universitarie, forse la novità più rilevante da segnalare è che in Italia il ceto politico si sia ricordato dell’esistenza dell’università. Perché sono più di dieci anni

Vittorio Emiliani ricorda Edoardo Detti

di Vittorio EMILIANI, su Radio radicale, 8 novembre 2017 «Edoardo Detti è stato uno dei protagonisti di una grande stagione dell'architettura e soprattutto dell'urbanistica in Italia. Detti è fiorentino nato nel 1913 da una famiglia della micro borghesia; il padre è commerciante di carbone, la madre

Contro l’oligopolio culturale. Per l’universale accesso ai saperi

da custodians.online, tradotto da Rete della Conoscenza In solidarietà con Library Genesis e Sci-Hub. Nel racconto di Antoine de Saint Exupéry il Piccolo Principe incontra un uomo d’affari che accumula stelle con l’unico scopo di essere in grado di comprare altre stelle. Il Piccolo Principe è perplesso. Possiede solo un fiore,

Su scuola e università. “È utile De Mauro quanto Illich”

Carteggio di Tiziana DRAGO, Luigi VAVALA', Velio ABATI, Piero BEVILACQUA – 13 ottobre 2017 Cari e care […] penso si debba rivolgere un’attenzione particolare al mondo della formazione e della conoscenza, alle scuole e alle università che stanno subendo la trasformazione forzata in centri di produzione di un sapere che segue

Università italiana: le ragioni di una sua difesa

di Enzo SCANDURRA, 26 settembre 2017* Era da poco cessata la campagna contro l’università pubblica (luogo di malaffare, di familismo, di scansafatiche), ed ecco che ci risiamo. Ora per riguadagnare la dignità perduta a causa di alcuni “baroni” corrotti, ci vorranno anni. Anni per dimostrare che, nonostante

Scheda di valutazione

di Enzo SCANDURRA – Docente: Sa, rettore, i miei colleghi protestano perché impiegano il 90% del loro tempo a riempire schede di valutazione, autovalutazione, ecc. Rettore: capisco, capisco! Ma, in tutta confidenza, vorrei farle una domanda: “Con quel restante 10% del tempo… umh.. cosa ci dovete fare?” Docente:

Genova. Università: perché mi sono arreso

di Vittorio COLETTI – da "la Repubblica Genova", 25 giugno 2017 LA PAUSA della domenica elettorale mi dà modo di rispondere ai lettori di questa rubrica che mi hanno gentilmente scritto dopo aver letto sul Secolo XIX la notizia delle mie dimissioni anticipate dall’università, messe in

Benedetto Croce | Disegni di riforma nazionale

A proposito di cultura, libri, conoscenze storiche dei politici, vi propongo  piccoli frammenti da "Pagine sulla guerra" di Benedetto Croce. Depurateli naturalmente dell'alta retorica che è propria della sua  scrittura, traducendo (gramscianamente) la sua lingua per i nostri "usi e consumi". Il vecchio Croce: incallito idealista,

Perché il numero chiuso è illegale

di Piero BEVILACQUA, da "eddyburg", 23 ottobre 2012 Perché un giovane che in Italia voglia iscriversi all'Università deve incontrare così tanti sbarramenti in un numero oggi crescente di Facoltà? Non è sufficiente che egli paghi le tasse e poi affronti la severa selezione degli esami, vera

L’apprendimento come esperienza estetica. Il libro

di Lidia DECANDIA – Cari amici e amiche, sollecitata dal bellissimo e interessantissimo articolo di Laura Marchetti, e dalle osservazioni di Piero Bevilacqua che condivido pienamente desidero condividere con voi anche una mia esperienza di didattica-ricerca-azione, fatta con gli allievi del Corso di Progetto nel contesto sociale della Facoltà

In/disciplinate. Lettera di Abati

28 marzo 2017 L'importanza dello studio è maggiore di quella, pur rilevante, che si prefigge: mostrare la condizione materiale e la soggettività di un settore specifico del precariato universitario. Assai interessanti i dati statistici e la descrizione, chiara, delle dinamiche di medio periodo che investono l'università

Didattica come teatro dell’Erotica: un esperimento

di Laura MARCHETTI, da "MeTis. Mondi educativi", n. 2, 12/2016 La crisi dei valori e dei paradigmi delle scienze europee interpella quotidianamente studenti e docenti anche nella forma della crisi delle relazioni umane ed educative vissute all’Università. Sempre più necessaria diventa perciò una pratica pedagogica che –

Una canzone per il Molise che esiste

Si apre nella sede termolese dell’Università del Molise la nuova serie del ciclo Asterischi* - incontri culturali all’Unimol, un programma di iniziative aperte alla cittadinanza in cui professori, studenti e pubblico si confrontano su particolari tematiche, discutendo di libri, film, arte, saperi e sapori del

“L’università che vogliamo”. Un appello

Febbraio 2012. Da "micromega". Un appello di docenti e ricercatori al ministro Profumo e al governo Monti, di Piero Bevilacqua e Angelo d'Orsi L'Università italiana sopravvive, difficoltosamente, in una condizione di disagio e di crescente emarginazione che ha pochi termini di confronto nella storia recente. Essa ha

Il Ministero e l’anglo-pedagoghese

di Annamaria TESTA, da "Internazionale", 28 novembre 2016 Il sito si chiama Roars, Return on academic ReSearch. Discute di università, istruzione, ricerca e delle politiche connesse. Ospita anche una sezione di scritti in lingua inglese. Eppure proprio Roars pubblica un breve articolo intitolato “Talis, Byod, Iea

Un grande progetto: rimpicciolire gli uomini

da: Piero BEVILACQUA, Miseria dello sviluppo, Laterza, Roma-Bari, 2008. Con inappuntabile coerenza i partiti che ormai possiamo chiamare indistintamente liberali, cercano da tempo di adattare le istituzioni formative ai bisogni delle imprese. Più precisamente cercano di piegare la formazione delle nuove generazioni a questa stagione ideologica

I vecchi e i giovani

di Piero BEVILACQUA, da "eddyburg", 28 giugno 2012 Da tempo i media legati ai poteri dominanti fanno ricorso a un binomio retorico per screditare tutto ciò che cerca di resistere alle innovazioni distruttive imposte dal capitalismo che avanza. Il mondo viene spaccato in due: antico e

Le punture di spillo: Bologna 40 anni dopo

di Maria Pia GUERMANDI, da "eddyburg" Ormai da una decina di giorni la zona universitaria a Bologna è attraversata da assemblee e cortei. Le proteste di questi giorni riaccendono il fuoco di una rivolta che, con andamento carsico, perdura ormai da mesi. La miccia, in questo

Bologna. Quarant’anni da “Il libro Paradiso”

Lettera di Vittorio BOARINI – 12 febbraio 2017 Cari amici, leggendo la stampa e seguendo la TV, uniche fonti informative anche per me che abito a Bologna, ho fatto alcune riflessioni, che voglio condividere con voi, partendo dalla reazione degli studenti ai provvedimenti delle autorità accademiche tesi a regolare

Università: la sperimentazione post-democratica

di Ugo M. OLIVIERI – 11 febbraio 2017 La riforma Gelmini e, prima, un certo adeguamento alle logiche neo-liberiste, hanno consentito la sperimentazione in Università di forme di gestione post-democratica che privilegiano l'aspetto della decisione e un potere di gestione staccato dalle procedure di controllo democratico. L'aver reso il Rettore una figura non

Bologna. L’università è sacra?

10 febbraio 2017 Cari colleghi, mi chiedo se non sia il caso di esprimere un pensiero sui fatti di Bologna. Da quello che apprendo, la polizia è intervenuta nei locali universitari, quando neanche la polizia della repubblica di Salò osò entrare nell’Università di Bologna per cercare i partigiani,

Lessico postdemocratico, di Cingari e Simoncini

Dall'introduzione a Lessico postdemocratico, a cura di Salvatore Cingari e Alessandro Simoncini, Perugia Stranieri University Press, Perugia, 2016 Questo libro nasce da un’esperienza: L’università e il territorio. Otto seminari per capire il presente. Nato dentro l’Università, e quindi diretto in primo luogo agli studenti, questo ciclo

Perché l’università deve salvare i saperi inutili

di Juan Carlos DE MARTIN – Formare persone e non solo lavoratori. Promuovere la conoscenza. Servire la democrazia. Ecco le sfide degli atenei del futuro. Come dovrebbe essere l’università per aiutare la società ad affrontare le sfide che emergeranno nei prossimi anni? L’università è — per definizione — un

Fuori squadra, di Enzo Scandurra. Con due recensioni

Fuori squadra, un libro di Enzo Scandurra (Castelvecchi, 2017). Un improvviso intervento chirurgico per una grave malattia cambia il corso dell’intera esistenza di Lorenzo, che decide di abbandonare l’insegnamento universitario per affrontare una questione irrisolta della propria adolescenza. Sullo sfondo, la città di Roma, tra le crepe delle sue rovine, dove uomini e

Terremoto e nichilismo

di Ugo M. OLIVIERI – Dell’uomo ignara e dell’etadi / ch’ei chiama antiche, e del seguir che fanno / dopo gli avi i nepoti, / sta natura ognor verde, anzi procede / per sì lungo cammino, / che sembra star. È della natura e dei suoi tempi che

Basta con il tritacarne del precariato universitario – Sabato 4 febbraio 2017 a Roma

ADI, AIPAC, ANDU, ARTeD, CISL Università, CNU, CONFSAL-CISAPUNI-SNALS, CoNPAss, Federazione UGL Università, FLC-CGIL, LINK, RETE29Aprile, SNALS Docenti Università, UDU, UIL RUA BASTA CON IL TRITACARNE DEL PRECARIATO Sabato 4 febbraio 2017 a Roma (sede da comunicare) INCONTRO NAZIONALE SUL DRAMMA DEL PRECARIATO UNIVERSITARIO UN APPELLO Le Organizzazioni universitarie rappresentative di tutte le componenti (professori,

Furori modernizzatori e resistenze del classico

di Tiziana DRAGO – È da un po’ che Luigi Berlinguer, quello che ha introdotto nell’università la ferita mortale del 3+2 (la pratica contabile dei crediti negli atenei-azienda), ha ricominciato a frequentare come maître à penser l’accademia. Non pago di aver messo mano in modo fallimentare

Università, il coraggio di denunciare

di Arnaldo BAGNASCO, Gian Luigi BECCARIA, Remo BODEI, Alberto BURGIO, Pietro COSTA, Gastone COTTINO, Franco FARINELLI, Luigi FERRAJOLI, Giorgio LUNGHINI, Claudio MAGRIS, Adriano PROSPERI, Stefano RODOTA', Guido ROSSI, Nadia URBINATI, Mario VEGETTI, Gustavo ZAGREBELSKY – Dell’Università oggi si parla molto e di solito agitando luoghi comuni: sortite che

Dieci tesi contro l’ANVUR

di Piero BEVILACQUA – I. È preliminare rammentare una banalità storica, obliata in tempi nei quali si celebra il cosiddetto “merito” come una scoperta recente, la ricetta per rendere più equa ed efficiente la nostra società. Dovrebbe esser noto che tutti gli ambiti della vita sociale,

Il sacro fuoco della valutazione

di Tiziana DRAGO – da «il manifesto», 21 luglio 2012 Come c’era da aspettarsi, la furia valutativa e ‘meritocratica’ del ministro Profumo e dell’ANVUR (l’Agenzia Nazionale di Valutazione) ha incontrato l’entusiasmo ‘riformista’ degli ineffabili liberisti di casa nostra: è partita da diverse settimane la martellante campagna di stampa

Berlinguer e gli altri. Storia di una riforma

di Tiziana DRAGO – da «il manifesto», 20 settembre 2016 Nel miscuglio indigesto di pretesti che ammorbano il dibattito sul referendum costituzionale è caduta la dichiarazione di Luigi Berlinguer («la Repubblica», 18 agosto), che ha esplicitato la propria opzione per il sì. Bene. L’avevamo sospettato. Tra le ragioni

Riflessioni sulla valutazione e sull’università in Italia

di Piero BEVILACQUA – Il testo di Walter Tocci sulla valutazione costituisce un utilissimo contributo di analisi su uno degli aspetti più importanti della vita universitaria di oggi. L'autore, un esponente non allineato del PD, è uno dei pochi parlamentari che possiede competenze non superficiali sui problemi

La valutazione mite dell’università

di Walter TOCCI – Come alle origini del feudalesimo la vita collettiva si ritirò dalle reti territoriali romane per incastellarsi nelle alture, così il sistema universitario tende a concentrarsi in alcune istituzioni e ad abbandonare il resto. Un gruppo di atenei ricevono più soldi, più cattedre e