-1
archive,tag,tag-sud,tag-851,cookies-not-set,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Il Mezzogiorno e l’unità del paese

Università di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Storia Antropologia Religioni Arte SpettacoloFacoltà di Lettere, Biblioteca - Sala Emiciclo, II piano, piazzale Aldo Moro, 5 Venerdì 8 febbraio 2019, ore 16 Seminario di studio e discussione Interventi diEmanuele Bernardi (Sapienza Università di Roma)Piero Bevilacqua (già Sapienza Università di Roma)Leandra D'Antone

Come non amare Tommaso? Una lettera sul libro di Bevilacqua

Cari amici dell'Officina, su suggerimento dell'autore, invio questa lettera che scrissi a Piero Bevilacqua quando mi inviò, prima della pubblicazione, il suo Il sole di Tommaso (Castelvecchi,2018). Questi meridionali, campani o calabresi (Bruno, Campanella, Bevilacqua, il compianto Mario Alcaro), dovrebbero essere più ascoltati nella riflessione che dovremmo rendere di

Fermiamo la secessione del Nord

da "Osservatorio del Sud", 26 ottobre 2018 È partita dalla Regione Veneto, ma si sta allargando a tutto il Nord Italia, la richiesta di autonomia regionale che farebbe gestire da queste Regioni il 90% del gettito fiscale per sostenere il welfare delle singole regioni. Se dovesse

Riflessioni post-elettorali. 1. Un Sud stellare

di Piero BEVILACQUA, da "il manifesto", 6 marzo 2018 È difficile mostrare sorpresa di fronte ai dati più o meno definitivi di queste elezioni di tardo inverno 2018. Non sono sorprendenti – sia detto senza alcuna iattanza – per chi segue la vita politica dalle strade

Riflessioni post-elettorali. 3. Una felice discontinuità

di Raniero LA VALLE, da "nuovaAtlantide", 7 marzo 2018 Il voto del 4 marzo, raffigurato nella cartina colorata trasmessa quella sera in TV, ha mostrato due Italie: l’Italia del Nord, identificata dalla maggioranza di centrodestra a trazione leghista, e l’Italia del Sud, identificata dalla maggioranza 5

Lametia 2.XII | A Sud di nessun Nord

di Claudia VILLANI – Pubblichiamo una nota giunta per posta, sintesi di un intervento più ampio, come contributo alla giornata e alla discussione di Lamezia. Negli ultimi anni nei congressi internazionali di storia (storia mondiale, storia economica, storia delle relazioni internazionali, ecc.) si moltiplicano gli studi sulle

Mezzogiorno: l’impatto della Lunga Recessione

di Tonino PERNA e Fabio MOSTACCIO [1] Premessa La scomparsa del Mezzogiorno dall’agenda politica Durante la “Lunga Recessione” (2008-2014), malgrado la gravità dell’impatto della crisi sul territorio meridionale, l’attenzione verso quest’area è stata pressoché nulla. Il fatto che molte regioni meridionali abbiano fatto registrare un tasso di disoccupazione che

Un osservatorio del Sud

Care amiche e cari amici, come vi è noto  le condizioni del nostro Mezzogiorno e soprattutto delle fasce più povere della popolazione, sono, negli ultimi anni, gravemente peggiorate. Una situazione che tuttavia non allarma come dovrebbe il mondo politico e giornalistico. Ci sono regioni come la