-1
archive,tag,tag-paesaggio,tag-160,cookies-not-set,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Lo sfascismo

di Giancarlo CONSONNI Note a margine del saggio Qualche considerazione sulla storia in corso di Stefano Levi Della Torre, apparso tra ottobre e novembre 2018 sui fascicoli nn. 252 e 253 della rivista "Una città". «Delineare il futuro è un atto politico. […] mancano da sinistra proposte credibili

Puglia. Proposte per la legge sulla bellezza

di Laura MARCHETTI – PROPOSTE PER LA LEGGE SULLA BELLEZZA DELLA REGIONE PUGLIA [qui il documento in versione pdf] Proposta di emendamento al Regolamento regionale: Si propone di aggiungere nell’art.2, comma 3, alla frase “La Regione tutela, valorizza e promuove la bellezza del territorio e dell’ambiente pugliese”,

Felicità d’Italia, di Piero Bevilacqua

Che cosa sono le felicità d’Italia? La musica, il cibo, la biodiversità agricola, il paesaggio, la tradizione artistica e culturale. Ovvero tutto ciò che rende il nostro paese e i suoi costumi speciali agli occhi degli stranieri che vengono a visitarlo o di quelli che ne apprezzano e adottano lo stile di vita. Ma

La struttura del paesaggio, di Anna Marson

di Piero BEVILACQUA, Un piano che prende forma in un laboratorio, «il manifesto», 15 ottobre 2016 Come ben sanno le persone colte d’Europa e dei vari paesi del mondo, l’Italia eredita, con poco merito dei contemporanei, un patrimonio di inestimabile valore: il suo paesaggio. E forse occorrerebbe

Riforma MIBACT, un appello per il paesaggio

Appello della SOCIETÀ DEI TERRITORIALISTI/E – Da diversi giorni l’ennesima riforma in corso presso il Mibact, prevista da una norma che autorizza il Ministro “alla riorganizzazione, anche mediante soppressione, fusione o accorpamento, degli uffici dirigenziali, anche di livello generale, del ministero”, sta alimentando un acceso dibattito. Il

Il terremoto e la politica

di Piero BEVILACQUA – Il 5 febbraio del 1783 una violentissima scossa di terremoto sconvolse la Calabria meridionale. L’epicentro fu individuato nel territorio di Seminara, nella Piana di Gioia Tauro, ma l’onda d’urto investì con diversa intensità l’intera regione e la Sicilia, seguita da altre potenti scosse