-1
archive,tag,tag-ambiente,tag-247,cookies-not-set,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

La cura dei luoghi

di Rossano PAZZAGLI, da «La Fonte», gennaio 2019 I luoghi sono come le persone. Bisogna volergli bene, rispettarli e curarli quando occorre. Non servono grandi opere, ma interventi continui e diffusi che accarezzino la natura e tengano in efficienza le opere dell’uomo: che si tratti di

Gli alberi lungo le strade: una questione storica e ambientale

di Rossano PAZZAGLI,  "Scienze e ricerche", n. 5, marzo 2015, pp. 59-65 L’aumento del traffico automobilistico, conseguenza anche del mancato potenziamento dei trasporti pubblici che anzi stanno subendo politiche di tagli e ridimensionamenti, sta riproponendo in misura crescente il problema della sicurezza stradale. Spesso sotto la

Alberi in città

di Piero BEVILACQUA, da "il manifesto", 10 maggio 2018 Pochi elementi naturali, più degli alberi, la loro presenza e cura, misurano la qualità del rapporto degli uomini con il loro habitat. Potremmo aggiungere: il loro grado di civiltà, se al termine civiltà non assegniamo solo il

Gorz. Tra marxismo ed ecologismo

Pubblichiamo l’introduzione del libro di Emanuele LEONARDI: Lavoro, Natura, Valore. André Gorz tra marxismo e decrescita, Orthotes, Napoli-Salerno, 2017. Da "effimera. Critiche e sovversioni del presente". Ancora fino a pochi anni fa un libro dedicato al rapporto tra scienze sociali e crisi ecologica, nonché alle implicazioni politiche di

Il Belpaese del giorno dopo

di Tonino PERNA – da «il manifesto», 22 gennaio 2017 Il Galileo di Bertolt Brecht rispondeva al suo allievo: «Sfortunata la terra che ha bisogno di eroi». Che si può anche tradurre come «beato quel paese che non ha bisogno di eroi». E l’Italia certamente non è questo

La deterritorializzazione di stampo mafioso

di Alberto ZIPARO* – 1. Un filone di ricerca di frontiera? 1.1 La recente ripresa di interesse sul campo elaborativo “particolare” costituito dalla penetrazione e dai condizionamenti della criminalità organizzata su politiche e pratiche urbanistiche e territoriali si può collegare certo agli studi diversificati che stanno osservando

Consumare di più?

di Giorgio NEBBIA – I mutamenti climatici, gli inquinamenti, la congestione urbana, l’erosione del suolo non sono punizioni divine, ma le dirette conseguenze delle operazioni, squisitamente umane, della produzione e dell’uso delle merci, dei beni materiali ottenuti per trasformazione delle risorse della natura. Eppure sembra che

La regolazione pubblica degli OGM

di Dario BEVILACQUA – Il tema degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) è al centro di un vivace dibattito, di opinione e scientifico, che coinvolge studiosi ed esperti di diverse discipline. Due elementi caratterizzano in modo particolare questi prodotti: la multidimensionalità e l’imprevedibilità dei loro effetti. Al di là delle