Officina dei saperi | Cari genitori, non siete solo genitori
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
3349
post-template-default,single,single-post,postid-3349,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Cari genitori, non siete solo genitori

Cari genitori, non siete solo genitori. Siete uomini e donne, cittadini, gente che lavora. Alla scuola non chiedete solo di custodire vostro figlio

Andate a vedere come funziona, chi la comanda. Chiedetevi se serve così com’è, e a chi serve. Chiedete che cosa mette in testa a vostro figlio.

Rifiutate che promuova o bocci: la scuola non è un tribunale. Chiedete i libri gratis per le biblioteche di classe. Chiedete il tempo pieno.

Chiedete discutendo con maestri, bidelli, bambini. Chiedete discutendo col vostro comitato di quartiere, con gli operai del sindacato, col consiglio di zona, gli studenti delle scuole superiori. Chiedete tutto, non una sola volta

Esigete che la scuola parli di politica. Quando si scriveva “Qui non si fa politica, qui si lavora” c’era il fascismo