LA ROMANTIZACION DE LA QUARANTENA ES PRIVILEGIO DE CLASE! da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
4442
post-template-default,single,single-post,postid-4442,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.2.1,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

LA ROMANTIZACION DE LA QUARANTENA ES PRIVILEGIO DE CLASE! da IL MANIFESTO

La campagna sul reddito di cura, portato alla ribalta dalla pandemia 

Covid-19. Per ogni ora di lavoro remunerato abbiamo bisogno di un’ora di lavoro per il benessere sociale, screditato dal mercato perché a svolgerlo sono le donne

Giacomo D’Alisa*09.05.2020

Alla stessa velocità del coronavirus si è andato diffondendo lo slogan “Io resto a casa”, contraddetto solo dalla sacrosanta invettiva degli spagnoli: “La romantizacion de la cuarantena es privilegio de clase!“.

Effetto collaterale del virus è stato la riscoperta che proteggere sé stessi significa proteggere la propria comunità e viceversa.

Questa maturazione, indotta da una convivenza forzata, ha riproposto all’attenzione una realtà resa invisibile dal capitale: l’immensa mole del lavoro riproduttivo e di cura indispensabile alla vita.
Il decreto Cura Italia ha rianimato la discussione sul reddito di base di emergenza, definito anche “reddito di quarantena”, una misura che ha l’obiettivo di trasformare in un contributo universale, anche se temporaneo, il reddito di cittadinanza in vigore in Italia. La campagna italiana è in linea con quella lanciata in diversi paesi dalla “Rete mondiale per il reddito di base”, che definisce il reddito di base universale come un trasferimento monetario incondizionato ed individuale volto ad assicurare le condizioni materiali di esistenza minime per condurre una vita degna.

Guadagna forza però anche un’altra proposta: il reddito di cura. Al di là di ogni giudizio sul reddito universale, il reddito di cura ha una sua specificità e diversità che deve esser tenuta in conto: è rivolta a remunerare un lavoro necessario – quello di cura e di riproduzione, appunto – che oggi non né riconosciuto né pagato.

Con la pandemia la cura di sé e della propria comunità ha assunto una centralità che prima non era avvertita. Si è fatta strada l’idea che la crescita economica non risolve tutti i problemi dell’umanità e che mettere al centro la cura ci permette di discutere finalmente di quale sia la vita che vale l’allegria di essere vissuta, durante e dopo la pandemia.

Le attività di cura sono l’insieme delle azioni giornaliere che svolgiamo per garantire il benessere del nostro intorno socio-ambientale. Un flusso invisibile di ore di lavoro non pagato che è ingente anche nelle società industrializzate e digitali. Per ogni ora di lavoro remunerato abbiamo bisogno di un’ora di lavoro non remunerato per mantenere un determinato livello di benessere sociale.

Eppure, questo lavoro non gode – come sappiamo – della stessa dignità attribuita al lavoro remunerato di mercato; anzi, è screditato. E questo accade perché a svolgerlo sono principalmente le donne. Sono loro che, con la loro fatica quotidiana, sussidiano in maniera invisibile l’economia di mercato. Ed è stato infatti il femminismo radicale e l’eco-femminismo a mettere in evidenza l’importanza che i tempi di cura e di riproduzione hanno nel rendere possibile la vita.

Questa epidemia e il confinamento cui ci ha costretto, ha dato visibilità al lavoro di cura, il virus – si potrebbe dire – lo ha portato alla ribalta. Ha, in qualche modo, magnificato il tempo delle attività di cura. Anche perché ora i tempi delle attività di riproduzione della vita si sono enormemente dilatati: le file lunghissime che si creano per gli acquisti necessari; la ripetuta pulizia delle proprie mani; i lavaggi più frequenti degli indumenti che indossiamo, e così via.

Stare a casa ha riproposto all’attenzione di chi non ci pensa mai quanto pesante sia la cura dei propri figli, l’assistenza agli anziani, alle persone con diversa funzionalità, agli ammalati: un estenuante sforzo emozionale e fisico, tanto più pesante del solito in assenza di quel tanto di aiuto offerto normalmente dai servizi pubblici.

Restare a casa, obbligati dallo stato di emergenza per Covid19, ha quindi avuto questo duplice risultato: da un lato ha reso visibile l’importanza delle attività di cura, dall’altro ha mostrato che mettere la vita al centro, in un sistema di mercato che nel suo normale funzionamento non se ne cura, è per molti insostenibile.

E’ per questo che le ragioni della campagna internazionale per il reddito di cura, al di là delle sue posizioni non universaliste, devono essere ascoltate e dibattute. La campagna ha, infatti, il merito di rendere chiaro che non si chiede un reddito in quanto essere umano pur non avendo contribuito alla produzione del valore sociale, ma che si rivendica il pagamento di quella parte di valore sociale che si produce ma che è reso invisibile per consentirne l’indebita appropriazione.

*Università di Coimbra

Il desiderio e gli affetti stabili

Sarantis Thanopulos, Ginevra Bompiani09.05.2020

Ginevra Bompiani: «Uno dei problemi del ricevere ordini, è il fatto che presto vi rotola dentro la stupidità. E ci si ritrova, non tanto alle prese con l’ubbidienza, quanto con il buon senso del ridicolo. È successo molte volte in questa Pandemia: i cosiddetti reggitori del mondo hanno fatto a gara di imbecillità, incompetenza e improvvisazione. Noi per fortuna abbiamo un capo del governo, che si tiene sempre nell’Aurea Mediocritas, a prudente distanza fra due fuochi. Ma perfino lui, a furia di avanzare solitario nella mistificazione, finisce per inciampare nell’assurdo.

Oggi riguarda le persone da visitare nella fase due. Anche stavolta sarà il grande fratellone a darci le indicazioni necessarie: i congiunti! Oddio, e chi sono? A essere precisi, ‘congiunto’, participio passato, è la persona o cosa che ha subito l’azione di ‘congiungere’. E a rigore non si potrebbe dire dei parenti, che sono nati consanguinei. Perciò il governo si è affrettato ad allargare il termine ad ‘affetti stabili’. E qui il dubbio cade nello stupore: in che modo la stabilità di un affetto difende dal contagio? È stata la Signora Bonetti a suggerire questa parola? È dunque proibito innamorarsi (rapporto instabile, incerto, essenziale)? E fare sesso si può?

Caro Sarantis, tu che sei il paladino dell’amicizia, della libertà e del buon senso, non credi che qui non basti ridere? Perché le tre cose che a noi sembrano così preziose sono state infrante, ignorate e calpestate. L’espressione ‘affetto stabile’ non è solo una stupida e illecita imposizione, è il segno che la terra che credevamo che ci aspettasse fuori dalla porta, quella dove avremmo ritrovato i nostri passi e la nostra andatura, è sparita mille miglia dietro di noi, e che quando credevamo di ‘restare a casa’, eravamo invece imbarcati su vagoni di un treno che viaggiava velocissimo verso una terra sconosciuta, di cui ignoriamo la lingua, la forma politica, gli abitanti…

Io non voglio restare a casa, voglio ‘tornare a casa’, e ritrovarvi i miei cari e le mie parole, che sono sempre stati la garanzia per me che il mondo esiste e che l’amore e la verità vi hanno luogo».

Sarantis Thanopulos: «C’è, Ginevra, nelle regole del distanziamento sociale, un che di improbabile dal punto di vista dei nostri movimenti che non possono disporsi nello spazio secondo la logica geometrica che le regole dovrebbero applicare, se non al prezzo di una perdita della loro spontaneità. Ne deriva un conflitto tra la spontaneità dei movimenti e la meccanicità che ad essi viene imposta del quale Buster Keaton avrebbe potuto cogliere tutta la comicità.

Il distanziamento sociale è impersonale, non può tenere conto delle forze attrattive erotico/affettive che muovono gli esseri umani, prescrive comportamenti standardizzati e omologanti, riprodotti in modo anaffettivo e uguale per tutti. Prescrive, in altre parole, un agire adattativo alla necessità di isolamento che deve reprimere gli affetti ed è tanto più efficace quanto più grande è il numero di persone che vi aderisce.

L’agire che è personale, segue la strada dell’amicizia e dei sentimenti e vive nello spazio dei piccoli numeri. Non dà importanza alla forma del comportamento, ma all’espressione di un modo di essere.

Il distanziamento sociale e l’agire personale affettivo/erotico sono, di fatto, incompatibili. La domanda securitaria della restrizione della nostra libertà di movimento esige l’uniformazione ad essa dei nostri affetti e desideri e li rende piatti e prevedibili. Ne inibisce la profondità che implica, come tu dici, instabilità e incertezza, l’essenzialità priva di fronzoli, ma piena di intensità, della congiunzione erotica. Gli slogan ‘restate a casa’ e ‘affetti stabili’ sono mistificanti e fanno della quarantena una gabbia psichica. È meglio dire: è rischioso andare in giro e se proprio lo fate che sia per chi (o perciò che) davvero desiderate».