“La disoccupazione di massa è una scelta politica” da THE NATION
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
4460
post-template-default,single,single-post,postid-4460,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.2.1,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

“La disoccupazione di massa è una scelta politica” da THE NATION

“La disoccupazione di massa è una scelta politica”

Mentre la disoccupazione raggiunge i livelli dell’era della depressione, Pramila Jayapal ha un piano che risponde con un livello di urgenza del New Deal.

 John Nichols Twitter  8 MAGGIO 2020

Più di 20,5 milioni di lavoratori americani hanno appena perso il lavoro in un solo mese.

“Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è salito al 14,7 per cento in aprile, il livello più alto dalla Grande Depressione, poiché la maggior parte delle aziende ha chiuso o ridotto severamente le operazioni per combattere il coronavirus mortale”, ha riferito il Washington Post venerdì mattina. “Semmai, il rapporto sottostima il danno”, ha spiegato il Post : “La definizione di disoccupazione del governo richiede in genere che le persone siano attivamente alla ricerca di lavoro. E il tasso di disoccupazione non riflette i milioni di persone che lavorano ancora che hanno avuto il taglio delle ore o il taglio delle retribuzioni. “

Lance Lambert, un editore di dati con la rivista Fortune , ha offerto una serie di numeri ancora più preoccupante quando ha scritto questa settimana: “Prima di questo tratto di 33,5 milioni di richieste iniziali di disoccupazione di sette settimane, c’erano già 7,1 milioni di disoccupati americani al 13 marzo. Quando queste cifre sono combinate, equivalgono a più di 40 milioni di disoccupati, o un tasso di disoccupazione reale del 24,9 per cento. Questo è appena sotto il picco della Grande Depressione di un tasso di disoccupazione che ha superato il 25,6 per cento. “

Nessuno dovrebbe tritare le parole.

Prendiamo atto che, come fa Mark Pocan, cochair del Congressional Progressive Caucus (CPC), “affrontiamo una crisi economica”. Che gli sforzi pericolosamente sbagliati del presidente Trump e dei suoi alleati per “riaprire” l’economia nel mezzo di una pandemia non affronteranno quella crisi e

anche che la risposta federale a questa crisi è stata dolorosamente inadeguata: Non ha frenato la disoccupazione di massa o il blocco delle piccole e medie imprese.

Come dovrebbero reagire i leader democratici del Congresso, che stanno attualmente elaborando la loro proposta per il prossimo pacchetto di soccorso Covid-19, mentre questo paese sprofonda in una nuova depressione? Il leader della minoranza al Senato Charles Schumer ha ragione quando dice: ” Abbiamo bisogno di un’azione di tipo Rooseveltiana “. Ma girarsi intorno al nome di FDR e parlare di un nuovo New Deal – idealmente un New Deal verde – ci porta solo più lontano.

Sfortunatamente, afferma Pramila Jayapal, cochair del CPC, “la volontà di pensare in grande su ciò che dobbiamo fare e superare questa inerzia è una sfida per alcune persone … Le persone vengono messe in una situazione economica terribile e i nostri sistemi non sono progettati per fornire il livello di sollievo necessario. “

La risposta, afferma Jayapal, laureato in economia e amministrazione aziendale e con esperienza in finanza e sviluppo, è creare nuovi sistemi. E ha un piano per affrontare immediatamente la realtà della disoccupazione di massa, come esiste ora, e la minaccia che la crisi peggiorerà notevolmente nelle settimane e nei mesi a venire.

Con il sostegno di Pocan e di altri membri del CPC, Jayapal ha proposto il Paycheck Guarantee Act , un piano generale per “porre fine ai licenziamenti di massa, mantenere i lavoratori nel loro posto di lavoro e collegati alle loro cure sanitarie e altri benefici, per impedire ai datori di lavoro di ogni dimensione di essere costretti a chiudere definitivamente e assicurarsi che l’economia sia pronta a ricominciare quando la pandemia di COVID-19 termina. ” Come? Prendendo in prestito idee da altri paesi , come Germania, Danimarca e Regno Unito, che hanno utilizzato le proprie risorse per garantire che i lavoratori siano tenuti sui libri paga.

Jayapal ha delineato “un programma semplificato per fornire una garanzia federale di tre mesi per il 100 percento dei salari dei lavoratori fino a $ 100.000 per garantire che i datori di lavoro di tutte le dimensioni mantengano i lavoratori sul libro paga e continuino a fornire benefici sponsorizzati dal datore di lavoro. Questa garanzia di stipendio si rinnoverà automaticamente su base mensile fino a quando la domanda dei consumatori non tornerà ai livelli pre-crisi “. La sua misura stabilisce forti protezioni per i lavoratori e comprende misure di prevenzione delle frodi. È flessibile, economico e, osserva Jayapal, è stato progettato per riconoscere e affrontare le disparità razziali nei licenziamenti e nell’accesso ai benefici.

Quest’ultima componente è vitale perché, come Jennifer Epps-Addison, direttore esecutivo del Center for Popular Democracy , osserva: “Durante l’ultima recessione, la disoccupazione e la sottoccupazione hanno colpito le comunità nere e marroni più duramente, e la scala della nostra attuale crisi della disoccupazione aumenterà il divario di ricchezza razziale. Mantenere i lavoratori in busta paga presso il loro datore di lavoro è il modo migliore per consentire ai lavoratori di ridurre al minimo la dislocazione economica che sta aggravando la nostra crisi di salute pubblica.

Il piano dettagliato di Jayapal , a cui ha lavorato con i migliori economisti da marzo, ha attirato un ampio sostegno da leader sindacali e sostenitori della giustizia economica, sociale e razziale. Notando il numero impressionante di lavoratori disoccupati e la minaccia che il numero dei senza lavoro si espanda se non vengono intraprese azioni per proteggere i lavoratori minacciati, l’ex segretario al lavoro Robert Reich afferma : “Hanno bisogno di aiuto immediatamente. Il Paycheck Guarantee Act è il modo più rapido ed efficiente per ottenerlo. “

Joseph Stiglitz, economista vincitore del premio Nobel, spiega che “COVID-19 sta provocando il caos economico e sta causando enormi licenziamenti che mettono in pericolo la nostra economia e ogni sforzo per far funzionare di nuovo l’America. Abbiamo bisogno di un’azione aggressiva che mantenga alle persone i salari, preservi la loro assistenza sanitaria e crei la flessibilità per le imprese di rimanere a galla anche se rimangono parzialmente chiuse o totalmente chiuse. Aiutare le aziende a continuare a pagare i propri lavoratori, come fa il Paycheck Guarantee Act della Rep. Jayapal, è il modo più efficace per impedire a milioni di americani di essere licenziati, proteggere l’accesso alle cure sanitarie in un momento in cui è particolarmente necessario e mantenere le attività di tutte le dimensioni dalla persiana permanente “.

La linea di fondo, sostiene Stiglitz, è che la Paycheck Guarantee Act è “il modo più intelligente per fermare la nostra caduta libera economica”.

Il rappresentante Jayapal ha il piano giusto al momento giusto. Se i democratici del Congresso vogliono rispondere con un’azione di tipo Rooseveltiana alla disoccupazione di massa, devono riconoscere, come fa Jayapal, che “una garanzia di busta paga federale è una soluzione reale che si adatta all’entità della crisi. La disoccupazione di massa è una scelta politica. Possiamo e dovremmo scegliere diversamente. “