VIRUS, BREVETTI, SALUTE da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
6894
post-template-default,single,single-post,postid-6894,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

VIRUS, BREVETTI, SALUTE da IL MANIFESTO

L’agio del virus nell’apartheid vaccinale

Omicron. È con scienza e coscienza che Johannesburg ha condiviso immediatamente la sequenza genomica della variante. Un gesto di responsabilità epidemiologica, ma anche di rara coerenza politica. Peccato che l’Europa, insieme a Svizzera e Usa, abbiano risposto alla trasparenza sudafricana bloccandone immediatamente tutti i voli

Nicoletta Dentico  28.11.2021

C’è un beffardo significato simbolico nella capacità che il coronavirus mantiene intatta, dopo due anni, di produrre nuovi stati di eccezione. Questa volta è toccato alla 12ma Conferenza interministeriale (CM12) dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc) sospesa in tutta fretta per via della variante Omicron B.11.529 identificata in Sudafrica negli ultimi giorni.
Alla vigilia dell’incontro interministeriale, uno dei passaggi destinati a segnare il futuro stesso dell’Omc, il patogeno ha bloccato tutto, rimandando l’appuntamento a data da destinare. In questo tiro alla fune tra natura e faccende umane, c’è una grande pedagogia. La natura la spunta sempre perché è più forte.
Ma gli umani questa evidenza non l’hanno ancora interiorizzata. Omicron è un nome con cui dovremo imparare a fare i conti. La variante porta «un’inusuale costellazione di mutazioni», ha dichiarato il ministero della salute sudafricano: più di 30 nella proteina spike, dice il Prof. Tulio de Oliveira, direttore del Centro per la Risposta Epidemica e l’Innovazione.
La scoperta è frutto di un eccellente lavoro di ricerca e sequenza genomica fatta su 22 casi positivi nel paese, frutto della collaborazione con l’Istituto Nazionale delle Malattie Infettive e alcuni laboratori privati. Si tratta di una variante molto diversa dalle precedenti, secondo De Oliveira.

«Il profilo delle mutazioni lascia predire una significativa capacità di eludere l’immunità vaccinale, e di aumentare la trasmissibilità». In Sudafrica si sono messi subito al lavoro per capirne le implicazioni. Parecchie persone sono state testate positive nel volo da Johannesburg ad Amsterdam. Casi sono stati rintracciati in Belgio, in Israele. Il virus trova agio nella insipienza dell’apartheid vaccinale che segna questo tempo. Il Sudafrica è uno dei pochi paesi africani dotato di un sistema sanitario, sebbene affiancato dal ruolo alquanto aggressivo dell’industria privata. Ha una significativa capacità scientifica, sviluppata sulla scorta di epidemie parallele che affliggono il paese da decenni, il virus dell’HIV/Aids e la tubercolosi, che qui si manifesta con le forme più ostinate di resistenza alle terapie esistenti.
Ma il paese ha fatto molta strada da quando, vent’anni fa, il 35% della popolazione era sieropositiva. La storia sudafricana dell’HIV/Aids – con passaggi scabrosi come la azione legale delle 39 case farmaceutiche contro il Medicines Act di Nelson Mandela – ha stravolto la vecchia narrazione istituzionale e gerarchica sulla salute. L’ha politicizzata a livello globale, consegnando protagonismo ai pazienti affetti da HIV/Aids: il loro attivismo per rivendicare l’accesso alle cure ha svelato il potere disumano degli accordi commerciali dell’Omc, a partire dai monopoli brevettuali. Da allora il Sudafrica si è affermato sulla scena internazionale con una visione della sanità che ne ha fatto uno dei campioni del diritto alla salute.
È con scienza e coscienza che Johannesburg ha condiviso immediatamente la sequenza genomica della variante Omicron. Un gesto di responsabilità epidemiologica, ma anche di rara coerenza politica.
Il Sudafrica – ricordiamolo – è il paese che insieme all’India ha proposto all’Omc, nell’ottobre 2020, la applicazione di una clausola del diritto commerciale internazionale che prevede la sospensione dei monopoli di proprietà intellettuale (IP Waiver): la richiesta, forte ormai di un vastissimo consenso internazionale, punta a favorire l’accesso alla conoscenza in campo medico e l’utilizzo della scienza, sviluppata spesso con fondi pubblici, per espandere e rafforzare la capacità produttiva in campo farmaceutico, sì da fronteggiare la pandemia. Non solo per i vaccini. Si tratta di uno dei dossier più caldi dell’attuale negoziato commerciale, insieme al clima e alla riforma dell’Omc.

Il Sudafrica è anche uno dei pochi paesi del sud globale che ha accolto con entusiasmo la proposta del presidente del Consiglio europeo Charles Michel di avviare il negoziato per un trattato pandemico in seno all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Una proposta sorprendentemente fiancheggiata dall’industria farmaceutica e da Bill Gates. Grazie alla pressione europea comincia lunedì prossimo una sessione speciale dell’Assemblea mondiale della sanità. Il trattato pandemico per la preparazione e risposta alle future pandemie tiene banco nelle sedi alla salute internazionale a Ginevra, non senza malumori. Per diversi governi del sud del mondo è intempestiva – molti sono impegnati a combattere l’infezione con pochi mezzi e senza vaccini – e per altri si tratta di una distrazione dal blocco ostinato che la Commissione Europea oppone alla moratoria sulla proprietà intellettuale all’Omc.
L’opinione è condivisa da autorevoli analisti in materia. L’Europa del resto ha sempre osteggiato regimi sanitari vincolanti dentro l’Oms. L’idea motrice di questo trattato è l’impegno a una condivisione rapida delle informazioni sui patogeni, più cooperazione sulla sorveglianza, regimi più forti di sicurezza sanitaria.
Esattamente quello che Johannesburg ha fatto. Peccato che l’Europa, insieme a Svizzera e Usa, abbiano risposto alla trasparenza sudafricana bloccandone immediatamente tutti i voli. Un segnale preoccupante sulla neanche tanto impercettibile venatura colonialista che sottende agli sforzi di costruzione della immuno-politica dell’occidente, dopo Covid-19. La sicurezza sanitaria, si sa, va messa in campo per difendersi dai poveracci.

Massimo Florio: «Abbiamo regalato la ricerca pubblica alle imprese»

Brevetti. «Le aziende farmaceutiche hanno fatto solo l’ultimo miglio della ricerca, subappaltandolo spesso ad altre società che lavorano su contratto. E poi ci hanno messo la capacità produttiva e la logistica». Intervista all’economista Massimo Florio dell’università Statale di Milano, che il 16 dicembre presenterà al Parlamento europeo la sua proposta di un organismo su modello dell’Esa, con laboratori propri o una struttura decentrataAndrea Capocci  28.11.2021

Nella lotta alla pandemia, l’arrivo di diversi vaccini nel giro di un anno è sembrato a molti un miracolo. Ma è un miracolo riservato solo a una parte del mondo, quella più ricca, e che potrebbe essere vanificato da una variante emergente nella parte del mondo rimasta scoperta. Sono i rischi che si corrono quando si affida la salute globale alle strategie delle imprese farmaceutiche.

L’economista Massimo Florio insegna all’università Statale di Milano e per Laterza ha appena pubblicato La privatizzazione della conoscenza, in cui mostra come la ricerca pubblica possa essere strategica in campo farmaceutico, ma anche nello sviluppo “green” e nel campo dei Big Data.

Prof. Florio, allora anche sui vaccini non è andato tutto bene?

È evidente che non sta funzionando il sistema della proprietà intellettuale, che premia con i brevetti chi controlla una tecnologia. Le imprese hanno fatto solo l’«ultimo miglio» della ricerca sui vaccini, spesso subappaltandolo ad altre società che lavorano su contratto. E poi ci hanno messo la capacità produttiva e la logistica.

C’erano alternative?

Il National Institutes of Health (Nih), la principale organizzazione di ricerca pubblica statunitense, sarebbe potuto andare fino in fondo nello sviluppo di un vaccino, brevettarlo e poi negoziare la produzione con il migliore offerente. Se il governo Usa fosse detentore del brevetto, oggi le aziende farmaceutiche agirebbero da fornitori ma sarebbe la politica a determinare prezzi, quantità e distribuzione globale. Invece durante l’amministrazione Trump fu deciso di fermare lo sviluppo e sottoscrivere contratti senza condizioni con le imprese. Non è solo una questione economica, anche se i prezzi dei vaccini li pagano i contribuenti. Il problema è che le imprese vendono a 25 dollari a dose un vaccino che, secondo le stime dell’Imperial College di Londra o di Oxfam costa circa un dollaro e mezzo. Così mezzo mondo ne rimane tagliato fuori e emergono nuove varianti. Un processo previsto da qualunque virologo, dato che un virus a Rna come il coronavirus è soggetto a mutazioni e ha pochi meccanismi di correzione.

Dunque il dibattito sui brevetti è davvero rilevante?

Biden ha annunciato una svolta, dichiarandosi favorevole a una moratoria sui brevetti relativi ai vaccini. Può sembrare sorprendente, ma Biden ha come consulente Anthony Fauci, capo del Niaid, l’istituto appartenente al Nih in cui è stato condotta una parte dello sviluppo del vaccino a mRna. E sa che Moderna, e probabilmente anche BioNTech, ha avuto la licenza a titolo gratuito per l’uso di quelle ricerche. Dunque il governo Biden dispone di leve negoziali. La richiesta dell’Nih affinché sia riconosciuto il suo ruolo nel brevetto sul vaccino Moderna, che dura vent’anni, è forse tardiva ma importante: afferma che la proprietà intellettuale pubblica non si può acquisire gratuitamente. La vicenda del vaccino a mRna è un perfetto esempio del fatto che questo meccanismo non ha nulla di miracoloso: prima 20 anni di investimento pubblico nella ricerca, poi 18 miliardi di finanziamenti pubblici e infine autorizzazioni rilasciate in pochi mesi. Ora chi è titolare del brevetto ha 19 anni di monopolio e questo aumenta a dismisura il valore dei farmaci e delle imprese.

La moratoria sui brevetti richiesta da India e Sudafrica avrebbe effetto?

Non da sola: serve il trasferimento tecnologico. Bisognerebbe conferire a un organismo pubblico la possibilità di andare avanti in proprio nella ricerca e nello sviluppo. È impensabile che lo faccia l’Oms, che è un’istituzione debole. La mia proposta è che lo faccia un’infrastruttura di ricerca europea analoga all’Nih, che possa sviluppare una filiera di vaccini e farmaci.

In passato ci sono stati altri esempi di ricerca pubblica in campo farmaceutico, chimico, energetico. Non tutti positivi.

Il modello a cui io penso assomiglia più al Cern, all’Agenzia Spaziale Europea (Esa) o allo European Molecular Biology Laboratory che non alle vecchie imprese di stato. La differenza? Quelle infrastrutture di ricerca sono fortemente orientate da missioni tecnologiche e scientifiche e governate dalla comunità dei ricercatori: la direttrice del Cern Fabiola Gianotti non è stata nominata da un ministro, la sua leadership è stata espressa dalla sua stessa comunità. In campo medico-sanitario questo non è mai accaduto.

È solo un’idea?

È una proposta concreta, che il 16 dicembre presenterò al Parlamento Europeo con diverse opzioni. Si può pensare a un’infrastruttura di ricerca con laboratori propri o a una struttura decentrata. E questa organizzazione potrebbe occuparsi esclusivamente di malattie infettive o anche di altre emergenze sanitarie. Il modello a cui mi riferisco assomiglia all’Esa, che lavora per “missioni” nel campo della ricerca spaziale: le sue missioni potrebbero essere un vaccino contro tutti i coronavirus, ad esempio, o un farmaco contro la tubercolosi resistente agli antibiotici. Servirebbe un trattato sovranazionale in cui l’Unione figurerebbe come promotore ma aperto anche a Stati che non ne fanno parte come Regno Unito, Svizzera o Norvegia. L’infrastruttura di ricerca avrebbe un orizzonte di 30 anni, l’ambizione di perseguire un centinaio di missioni e un budget che, a seconda delle opzioni, potrebbe avvicinarsi a quello dell’Esa, 4-6 miliardi di euro l’anno. Le missioni sarebbero negoziate tra istituzioni politiche e comunità scientifica. Per preparare questo rapporto abbiamo intervistato oltre 50 esperti internazionali, e c’è un consenso altissimo su quali siano le priorità per la ricerca medica attuale.

Perché l’Italia non è riuscita a sviluppare un vaccino, mentre Cuba sì?

Non conosco in dettaglio il caso italiano, ma mi è parso velleitario dall’inizio. Per due ragioni: il vaccino italiano si può anche fare, ma significa arrivare fino in fondo alle ricerche e servono notevoli investimenti. Il governo italiano non era pronto e forse è anche giusto così: perché puntare sulla scala nazionale e non su quella europea? Poi c’è l’aspetto produttivo: i pochi impianti dotati dei bioreattori necessari alla produzione dei vaccini avrebbero dovuti scontrarsi con una burocrazia faticosissima prima di ottenere le autorizzazioni. Cuba ha una storia di eccellenza nel campo, di grandi investimenti sulla ricerca medica e sui farmaci. È una sciagura che Cuba sia rimasta isolata, perché in un altro contesto internazionale avrebbero potuto avere un impatto su una scala molto più rilevante.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.