Officina dei saperi | Velocità e atonia morale
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
1893
post-template-default,single,single-post,postid-1893,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Velocità e atonia morale

Care e cari,

[…] i meccanismi nevrotici della società ci spingono a fare mille cose al giorno: così la nostra incapacità di osservare la realtà diventa sempre più frammentata e superficiale. È forse un segreto motore della barbarie di cui discutiamo. Del resto, un grande neurobiologo, Antonio R. Damasio (L’errore di Cartesio, Adelphi, 2009) sostiene che la velocità dei comportamenti porta all’atonia morale, all’incapacità di distinguere tra il bene il male.

Piero