Officina dei saperi | Una canzone per il Molise che esiste
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
1394
post-template-default,single,single-post,postid-1394,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Una canzone per il Molise che esiste

Si apre nella sede termolese dell’Università del Molise la nuova serie del ciclo Asterischi* – incontri culturali all’Unimol, un programma di iniziative aperte alla cittadinanza in cui professori, studenti e pubblico si confrontano su particolari tematiche, discutendo di libri, film, arte, saperi e sapori del territorio.

Il primo incontro si svolgerà giovedì 23 marzo alle ore 17 nell’aula magna dell’Università a Termoli con la presentazione del video musicale realizzato dal giovane musicista molisano Ilario Palma in collaborazione con Antonio Vizzarri e diffuso in internet attraverso YouTube. Si tratta di un brano rap che con ironia, ma senza sfiducia intende valorizzare il Molise mettendo in luce con enfasi alcune delle tante particolarità della regione.

L’incontro, coordinato da Rossano Pazzagli, presidente dei corsi di laurea in Scienze turistiche e beni culturali, si aprirà con la proiezione del video e l’ascolto della canzone. Dopodiché interverranno il musicista autore della canzone Ilario Palma, il videomaker Antonio Vizzarri, il blogger Michele Mignogna e il rappresentanti degli studenti Stefano Rinaldi.

“Il ciclo Asterischi – dichiara il prof. Pazzagli – ha l’obiettivo di connettere maggiormente Università e società, ricerca e divulgazione, locale e globale, a partire dal coinvolgimento dei giovani. Il video di Ilario Palma ci è sembrato un bel modo per aprire il dibattito sul valore del Molise dal punto di vista culturale e turistico, un punto di vista fresco e giovane su una realtà spesso ingiustamente presentata come vecchia e arretrata”.

L’iniziativa è organizzata dai due corsi di laurea sul turismo (Scienze turistiche e Management del Turismo e dei Beni culturali) insieme al Gruppo studentesco di Termoli.

Qui la locandina.