Officina dei saperi | Umanesimo futuro, di Anna Maria Rufino
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
583
post-template-default,single,single-post,postid-583,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Umanesimo futuro, di Anna Maria Rufino

Umanesimo futuro. Conosci te stesso, un libro di Anna Maria Rufino (Mimesis, 2014).

Il tema di questo pamphlet è il sapere, riletto nelle sue origini e nelle trasformazioni del mondo medioglobale, dove appare disperso il significato profondo della conoscenza consapevole.

I rischi, le paure e le conflittualità che attraversano la società, soprattutto nella sua dimensione virtuale, sembrano pregiudicare il senso e la memoria della cultura umanistica, come rapporto cosciente tra sapere e realtà e, così, far dimenticare il significato della libertà come valore comune. Annamaria Rufino con questo pamphlet «getta un sasso nello stagno non solo della malinconia contemporanea ma anche dell’elogio convenzionale del solo comunicazione, individualizzante e liberatorio, del there is no alternative…».

Non è un testo accademico, ma una presa di «posizione contro il mondo così com’è per il mondo come potrebbe essere» (Dalla Introduzione di J. Spurk).

Vedi qui la scheda del libro.

INDICE: Prefazione di Jan Spurk / I Parte, SAPERE PER CONOSCERE / Introduzione / Conosci te stesso / Progettare per sapere / Sapere di chi fidarsi / II Parte, PENSARE PER SAPERE / L’idea è un furto? / I sofisti della libertà / Bibliografia