PROVOCAZIONI da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
5400
post-template-default,single,single-post,postid-5400,single-format-standard,stockholm-core-2.2.0,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-7.9,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

PROVOCAZIONI da IL MANIFESTO

Ucraina, bomba Usa in Europa

L’arte della guerra. La rubrica settimanale a cura di Manlio Dinucci

Manlio Dinucci  13.04.2021

Caccia F-16 Usa, inviati dalla base di Aviano, sono impegnati in «complesse operazioni aeree» in Grecia, dove ieri è iniziata l’esercitazione Iniochos 21.

Essi appartengono al 510th Fighter Squadron di stanza ad Aviano, il cui ruolo è indicato dall’emblema: il simbolo dell’atomo, con tre fulmini che colpiscono la terra, affiancato dall’aquila imperiale. Sono dunque aerei da attacco nucleare quelli impegnati dalla US Air Force in Grecia, che ha concesso nel 2020 agli Stati uniti l’uso di tutte le sue basi militari.

Partecipano all’Iniochos 21 anche cacciabombardieri F-16 e F-15 di Israele ed Emirati Arabi Uniti. L’esercitazione si svolge sull’Egeo a ridosso dell’area comprendente Mar Nero e Ucraina, dove si concentra la maxi esercitazione Defender-Europe 21 dell’Esercito Usa.

Queste e altre manovre militari, che fanno dell’Europa una grande piazza d’armi, creano una crescente tensione con la Russia, focalizzata sull’Ucraina. La Nato, dopo aver disgregato la Federazione Iugoslava inserendo il cuneo della guerra nelle sue fratture interne, si erge ora a paladina dell’integrità territoriale dell’Ucraina.

Il presidente del Comitato Militare della Nato, il britannico Stuart Perch capo della Royal Air Force, incontrando a Kiev il presidente Zelenskyy e il capo di stato maggiore Khomchak, ha dichiarato che «gli alleati Nato sono uniti nel condannare l’illegale annessione della Crimea da parte della Russia e le sue azioni aggressive nell’Ucraina orientale».

Ha così ripetuto la versione secondo cui sarebbe stata la Russia ad annettersi con la forza la Crimea, ignorando che sono stati i russi di Crimea a decidere con un referendum di staccarsi dall’Ucraina e rientrare nella Russia per evitare di essere attaccati, come i russi del Donbass, dai battaglioni neonazisti di Kiev.

Quelli usati nel 2014 quale forza d’assalto nel «putsch» di piazza Maidan, innescato da cecchini georgiani che sparavano sui dimostranti e sui poliziotti, e nelle azioni successive: villaggi messi a ferro e fuoco, attivisti bruciati vivi nella Camera del Lavoro di Odessa, inermi civili massacrati a Mariupol, bombardati col fosforo bianco a Donetsk e Lugansk.

Un sanguinoso colpo di stato sotto regia Usa/Nato, col fine strategico di provocare in Europa una nuova guerra fredda per isolare la Russia e rafforzare, allo stesso tempo, l’influenza e la presenza militare degli Stati uniti in Europa.

Il conflitto nel Donbass, le cui popolazioni si sono auto-organizzate nelle Repubbliche di Donetsk e Lugansk con una propria milizia popolare, ha attraversato un periodo di relativa tregua con l’apertura dei colloqui di Minsk per una soluzione pacifica.

Ora però il governo ucraino si è ritirato dai colloqui, col pretesto che rifiuta di andare a Minsk non essendo la Bielorussia un paese democratico. Allo stesso tempo le forze di Kiev hanno ripreso gli attacchi armati nel Donbass.

Il capo di stato maggiore Khomchak, che Stuart Perch ha lodato a nome della Nato per il suo «impegno nella ricerca di una soluzione pacifica del conflitto», ha dichiarato che l’esercito di Kiev «si sta preparando per l’offensiva nell’Ucraina orientale» e che in tale operazione «è prevista la partecipazione di alleati Nato».

Non a caso il conflitto nel Donbass si è riacceso quando, con l’amministrazione Biden, ha assunto la carica di segretario di Stato Antony Blinken. Di origine ucraina, è stato il principale regista del putsch di piazza Maidan in veste di vice-consigliere della sicurezza nazionale nell’amministrazione Obama-Biden.

Quale vice-segretaria di Stato Biden ha nominato Victoria Nuland, nel 2014 aiuto-regista dell’operazione Usa, costata oltre 5 miliardi di dollari, per instaurare in Ucraina il «buon governo» (come lei stessa dichiarò).

Non è escluso che a questo punto abbiano un piano: promuovere una offensiva delle forze di Kiev nel Donbass, sostenuta di fatto dalla Nato. Essa metterebbe Mosca di fronte a una scelta che tornerebbe comunque a vantaggio di Washington: lasciar massacrare le popolazioni russe del Donbass, o intervenire militarmente in loro appoggio. Si gioca col fuoco, non in senso figurato, accendendo la miccia di una bomba nel cuore dell’Europa.

Biden e Netanyahu, poliziotto buono e poliziotto cattivo

Iran. Se è vero che a Vienna gli Stati uniti si sono seduti al tavolo per la ripresa dei negoziati sul nucleare iraniano, è anche evidente che gli Usa di Biden e del segretario di stato Blinken in questa vicenda hanno scelto di giocare la parte del poliziotto buono, lasciando a Netanyahu quella del poliziotto cattivoAlberto Negri  13.04.2021

È il tempo della diplomazia armata, del sabotaggio e dell’assassinio mirato come regola. La guerra segreta di Israele e degli Stati uniti all’Iran non solo non è più segreta da un pezzo.

Ma è diventata un fronte della nuova guerra fredda con cui l’amministrazione Biden vuole esercitare la massima pressione anche sui due stati che sostengono Teheran, Cina e Russia. Rispetto a Trump, Biden ha allargato l’obiettivo dei bersagli e arruolato gli europei.

La pressione è attuata su fronti diversi ma convergenti. Si va dalla proposta di far entrare l’Ucraina nella Nato alla minaccia di sanzioni Usa per il gasdotto North Stream II tra Germania e Russia, dall’affidare all’Alleanza compiti di contenimento della Cina all’apertura di un fronte libico, che impedisca un ennesimo accordo tra Erdogan, padrone della Tripolitania, e Putin, presente in Cirenaica con i mercenari russi e con l’ambizione di una possibile nuova base militare nel Mediterraneo.

Il sabotaggio alle rete elettrica dell’impianto nucleare iraniano di Natanz è attribuito dal New York Times a Israele che cita fonti dell’intelligence statunitense: in poche parole Washington era al corrente, proprio mentre arrivava in visita in Israele il capo del Pentagono Lloyd Austin.

Se è vero che a Vienna gli Stati uniti si sono seduti al tavolo per la ripresa dei negoziati sul nucleare iraniano – accordo cancellato da Trump nel 2018 – è anche evidente che gli Usa di Biden e del segretario di stato Blinken in questa vicenda hanno scelto di giocare la parte del poliziotto buono, lasciando a Netanyahu quella del poliziotto cattivo.

L’attacco di Natanz fa regredire le capacità dell’impianto nucleare di nove mesi e indebolisce la posizione negoziale di Teheran: volete pensare che gli americani siano scontenti?

Al tavolo sono seduti l’Unione europea, la Germania, la Gran Bretagna, l’Iran, Mosca e Pechino: tecnicamente gli Usa sono fuori dalla porta essendo usciti da questo accordo che è anche un trattato internazionale sotto l’egida dell’Onu.

In pratica gli europei svolgono il ruolo di “shuttle diplomacy”, di navetta, tra l’Iran e gli Usa: c’è quasi da ridere, se non fosse una materia drammatica, immaginare le facce dei diplomatici europei che incontrano gli iraniani dopo il sabotaggio di Natanz, di cui gli Usa erano ovviamente informati.

Così come sapevano dell’attacco recente a una nave iraniana nel Mar Rosso da parte del Mossad, vista la presenza della flotta americana nella regione. Non che tra Biden e Netanyahu le cose vadano così lisce: la scorsa settimana durante il memoriale per l’Olocausto il premier israeliano ha parlato apertamente contro un ritorno degli Stati uniti all’accordo nucleare firmato dall’amministrazione Obama con Teheran nel 2015.

Ma un’altra cosa è dire che gli americani non siano informati sulle mosse di Israele, tanto più che nel recente passato i due Stati hanno compiuto azioni coordinate contro l’Iran, dagli attentati cibernetici in Iran all’assassinio di generali iraniani (Soleimani) e di scienziati nucleari. Il coordinamento tra Usa e Israele poi è ufficiale per i raid in Siria contro le milizie filo-iraniane.

Il tutto ammantato dalla solita retorica israelo-americana per cui «Israele si difende» e gli «altri» sono una «minaccia esistenziale» per lo stato ebraico. Devono però spiegarci perché a morire, di solito, siano soprattutto gli «altri». E perché mai l’annessione della Cisgiordania, continuamente ventilata da Netanhyau, non sia per i palestinesi una minaccia esistenziale.

Tutto questo fa parte del Patto di Abramo voluto da Trump e sostanzialmente confermato da Biden. Si tratta di costituire un fronte anti-iraniano tra Israele e le monarchie del Golfo che sia anche funzionale ad altri obiettivi degli americani. In primo luogo il contenimento della Russia che con la Turchia ha approfittato in questi anni del vuoto lasciato nel Mediterraneo dagli Usa e dagli europei. E’ singolare ma la migliore arma anti-russa dell’Occidente è stato proprio Erdogan, che Draghi chiama «dittatore».

Un dittatore che ci fa comodo come ammette il primo ministro, perché si è opposto a Putin in Siria, in Libia e nel Caucaso. In questo senso ha svolto il suo ruolo di membro della Nato. Ma è anche colui che si è messo d’accordo con Putin in Siria, è uno dei maggiori acquirenti del gas di Mosca e del sistema russo antimissile S-400. Quindi Erdogan è scomodo ma fa «comodo».

Mai naturalmente una parola su curdi, prigionieri politici e trattamento riservato alle donne in Turchia, così come Draghi e gli altri europei non osano neppure sfiorare Al Sisi, responsabile per Regeni e Zaki, che acquista le nostre armi e navi militari e sfoggia la Legion d’Onore di Macron. Draghi forse si illude che gli europei gli mostreranno solidarietà se Erdogan cancellasse le commesse alle aziende italiane? Business is business, per loro come per noi.

In sintesi prima c’era un doppio standard, attribuito alle politiche americane israeliane in Medio Oriente, ora il doppio standard è stato abbracciato anche dagli europei che nella nuova guerra fredda devono fare il ruolo del poliziotto buono, che si tratti di Iran, Cina o Russia.