LA VEGETAZIONE DEL PIANETA CAMBIA da AGI
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
5657
post-template-default,single,single-post,postid-5657,single-format-standard,stockholm-core-2.2.0,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-7.9,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

LA VEGETAZIONE DEL PIANETA CAMBIA da AGI

La vegetazione del pianeta cambia, il mutamento più veloce da 10mila anni  

 Una ricerca condotta dagli scienziati dell’Università del Wisconsin-Madison (USA). suggerisce che l’influenza dell’umanità sugli ecosistemi, oggi così visibile, ha la sua origine nelle prime civiltà. 

21 maggio 2021

AGI – Un’indagine globale sui pollini fossili ha scoperto che la vegetazione del pianeta sta cambiando almeno tanto rapidamente oggi come quando le ultime calotte glaciali si ritirarono circa 10.000 anni fa. Sono questi i risultati di una ricerca condotta dagli scienziati dell’Università del Wisconsin-Madison (USA).

La ricerca, pubblicata su Science, suggerisce che l’influenza dominante dell’umanità sugli ecosistemi che è così visibile oggi ha la sua origine nelle prime civiltà e nell’ascesa dell’agricoltura, della deforestazione e di altri modi in cui la nostra specie ha influenzato il paesaggio.

A partire da circa 3.000 a 4.000 anni fa, le comunità vegetali della Terra iniziarono a cambiare a un ritmo accelerato. Oggi, questo ritmo rivaleggia o supera il rapido turnover che ha avuto luogo quando le piante hanno corso per colonizzare paesaggi precedentemente ghiacciati e adattarsi a un clima globale che si è riscaldato di circa 12 gradi Celsius.

La nuova analisi, che è stata alimentata da un database innovativo per i dati paleoecologici. Il Neotoma Paleoecology Database è uno strumento ad accesso aperto che raccoglie e cura i dati sugli ecosistemi del passato da centinaia di scienziati. Il Neotoma è presieduto dal professore di geografia dell’Università del Wisconsin-Madison, Jack Williams, che ha contribuito a guidare la nuova ricerca. 

Gli autori dello studio hanno analizzato più di 1.100 record di pollini fossili dal Neotoma, che coprono tutti i continenti tranne l’Antartide, per capire come sono cambiati gli ecosistemi vegetali dalla fine dell’ultima era glaciale circa 18.000 anni fa e quanto velocemente si è verificato questo cambiamento. 

 “Alla fine dell’era glaciale – afferma Williams, che cura anche il database dei pollini nordamericano di Neotoma – abbiamo avuto conversioni complete dell’ecosistema su scala biometrica. E negli ultimi mille anni, siamo di nuovo su quella scala. È cambiato molto. E questi cambiamenti sono iniziati prima di quanto avremmo potuto pensare”.

Il polline fossile fornisce una misura estremamente sensibile delle comunità vegetali del passato. Hanno scoperto che il tasso di cambiamento inizialmente ha raggiunto il picco tra 8.000 e 16.000 anni fa, a seconda del continente. Queste differenze continentali sono probabilmente causate da tempi e modelli diversi del cambiamento climatico legati al ritiro dei ghiacciai, all’aumento delle concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera, ai cambiamenti nell’orbita terrestre e ai cambiamenti nella circolazione oceanica e atmosferica.

Gli ecosistemi si sono poi stabilizzati fino a circa 4.000 anni fa. Quindi, il tasso di cambiamento ha iniziato un aumento vertiginoso che continua ancora oggi, quando la maggior parte degli ecosistemi vegetali sta cambiando almeno alla stessa velocità del flusso indotto dall’era glaciale.

“È stata – dice Williams – una scoperta sorprendente, perché negli ultimi migliaia di anni non è accaduto molto dal punto di vista climatico, ma i tassi di cambiamento dell’ecosistema erano grandi o maggiori di qualsiasi cosa abbiamo visto dall’ultima era glaciale ad oggi”.

“Questo lavoro – conclude Williams –  suggerisce che da 3.000 a 4.000 anni fa, gli esseri umani stavano già avendo un enorme impatto sul mondo (e) che continua ancora oggi”.