La lettura, il corpo, la voce
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
4036
post-template-default,single,single-post,postid-4036,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.0.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.1.4,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

La lettura, il corpo, la voce

Siccome fatti non fummo per viver come bruti …. vi invitiamo alla presentazione di un bellissimo libro in un luogo stupendo. (a.a.)

*

LA LETTURA, IL CORPO, LA VOCE

Fondamenti linguistici e neurali della lettura ad alta voce

di Paolo S. Sessa

(Fioriti, 2019)

Intervengono con l’Autore, Anna Angelucci e Paola Paesano.

Letture espressive di Francesca Gatto

Giovedì 14 marzo 2019, ore 18.00

BIBLIOTECA VALLICELLIANA, Salone Borrominiano, Piazza della Chiesa Nuova, 18 – ROMA

Attraverso una disamina approfondita degli esperimenti e delle scoperte delle moderne neuroscienze cognitive e una lettura originale dei testi più rilevanti della letteratura europea, l’Autore risponde sostanzialmente a due serie di domande:

1. Cosa c’è in un testo? E soprattutto cosa c’è che ci riguarda come lettori? Quali sono le tracce di oralità che l’autore ha inteso preservare nel testo per veicolare le sue emozioni? Come interferisce la sostanza dell’espressione (il materiale verbale) sul significato di un testo?

2. Quali sono le strategie proprie dell’atto performativo attraverso le quali le tracce di oralità possono riemergere dalla scrittura? Cosa possono e devono fare la voce e il corpo del lettore per vivificare il testo scritto e riscoprire la voce e la tensione che gli hanno dato vita?