IL GRANDE RISCHIO DEL DISINCANTO da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
5465
post-template-default,single,single-post,postid-5465,single-format-standard,stockholm-core-2.2.0,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-7.9,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

IL GRANDE RISCHIO DEL DISINCANTO da IL MANIFESTO

Storie e voci di un’identità plurale che sfida la retorica

L’antologia. «Fermammo persino il vento. Racconti e letteratura di partigiani», curato da Marco Codebò e Domenico Gallo, in uscita nei prossimi giorni per Shake. Il volume ricostruisce un «itinerario della Resistenza» attraverso la raccolta di scritti di figure che vanno da Renata Viganò e Vasco Pratolini ad Alba de Cèspedes e Angelo Del Boca fino a Gino De Sanctis e Fabrizio OnofriDavide Conti  24.04.2021

Un movimento storico multiforme ed internazionale come la Lotta di Liberazione sollecita, con i suoi caratteri politico-sociali e la sua composizione in termini storici, ad interpretare la Resistenza partigiana come un sistema pluralistico di Resistenze qualificato da una molteplicità di forme di lotta, espressioni, identità di genere e classe, azioni e culture politiche. Quella del racconto polifonico, dunque, non può che essere una strada proficua per restituire una complessità costituente da cui nacque il fondamento democratico della Repubblica. Fermammo persino il vento. Racconti e letteratura di partigiani, curato da Marco Codebò e Domenico Gallo (Shake, pp. 240, euro 16), percorre questa via ricostruendo un vero e proprio «itinerario partigiano» attraverso la raccolta degli scritti sulla Resistenza di figure che vanno da Renata Viganò e Vasco Pratolini ad Alba de Cèspedes e Angelo Del Boca fino a Gino De Sanctis e Fabrizio Onofri.

UN VIAGGIO storico-letterario che attraversa tutte le grandi questioni e le esperienze emerse nel fuoco della Guerra di Liberazione e che prende avvio domandandosi quale possa essere il senso ideale e materiale della rivisitazione della Resistenza nel tempo contemporaneo. La risposta necessaria, e preliminare ad ogni altra considerazione, rispetto ad un tema tanto rilevante si trova nella introduzione del volume che declinando un passo di Michel Foucault (dalla Volontà di sapere) attraverso le parole di Gilles Deleuze colloca la Resistenza e le resistenze in una posizione soggettiva non subordinata al contesto storico. «Le resistenze – afferma Deleuze – sono l’altro termine nelle relazioni di potere, cioè il fuori delle relazioni di potere. Il rapporto di potere è ciò che combatte una resistenza preliminare, è ciò che si sforza di vincere una resistenza preliminare. La resistenza non è seconda, è prima».

È all’interno di questo quadro che i racconti, divisi per campi tematici, portano il lettore dentro la guerriglia dei Gap nelle grandi città come Roma o sulle montagne del nord Italia passando per la «pianurizzazione» del conflitto che fu sperimentata dal comandante Arrigo Boldrini in Emilia-Romagna. Proprio perché la Resistenza si è mostrata come un moto capace di coinvolgere soprattutto chi nella storia non aveva avuto voce, emergono forti sia il ruolo delle donne (nelle pagine di Renata Viganò e Antonio Meluschi) nella loro specifica duplice dimensione che investe un processo simultaneo e contestuale di liberazione ed emancipazione, sia quello delle popolazioni civili (è il caso dei racconti di Anna Banti e Oreste del Buono) senza il sostegno delle quali nessuna guerra asimmetrica ed irregolare come quella partigiana avrebbe potuto e potrebbe mai esistere.

DENTRO LA «GUERRA TOTALE» del 1939-1945 (che non distingue più tra militari mobilitati al fronte e civili dei territori occupati) questi due nuovi soggetti, le donne e le popolazioni, dapprima vengono investiti e travolti loro malgrado dalla misura del conflitto e dalla violenza che vi si esprime ma poi trovano la capacità, pagando un prezzo altissimo in termini di stragi, torture e deportazioni, di determinare un fattore di rottura nuovo rispetto ai conflitti della storia precedente: l’ingresso delle masse senza divisa militare all’interno della contesa.

IN QUESTO DIVERSO «modo di fare la guerra» risiede il nuovo impianto valoriale espresso dalla Lotta di Liberazione il cui approdo sarà quello della Costituzione che per la prima volta nella storia d’Italia rifonderà lo Stato con il contributo decisivo di 21 madri costituenti elette a suffragio universale il 2 giugno 1946 e che impegna la Repubblica a rimuovere gli ostacoli di natura economica, cioè le differenze di classe, che impediscono ai lavoratori la partecipazione diretta alla vita pubblica e politica, ovvero l’uguaglianza sostanziale. Un rovesciamento assoluto del paradigma della società monodimensionale fascista (ovvero organicista ed escludente) e della categorizzazione discriminante degli esseri umani.

L’esperimento letterario operato dal volume si mostra, dunque, riuscito soprattutto laddove riesce a presentarsi come accesso e modo di fruizione contemporaneo al racconto di quelle esperienze certamente fuori dall’ordinario e ciononostante alla base delle nostre identità di oggi.

Il grande rischio del disincanto

PASSATO PRESENTE. Quello italiano è un panorama sospeso tra lo Scilla dei sovranismi e populismi e il Cariddi del sogno tecnocratico. Il calco lasciato dal Ventennio mussoliniano è pervicace e di nuovo diffuso. Costituisce un elemento underground che carsicamente riemerge nei momenti della disillusione

Claudio Vercelli  24.04.2021

Partecipe di una parabola discendente che interessa e coinvolge le istituzioni della repubblica democratica e partecipativa nel suo insieme, l’antifascismo registra l’evidente stanchezza delle sue motivazioni così come i rischi di una sua riduzione a icona del passato. Non è un destino ineluttabile. Tuttavia si fa assai plausibile e prevedibile dal momento che gli ultimi trent’anni di trasformazioni, non solo politiche ma anche culturali e sociali, si sono sommate e riflesse cumulativamente nella transizione che da tempo stiamo vivendo.

C’È UNA CORNICE che va considerata, in questo come in altri casi: il passaggio da un sistema di produzione a forte intensità industriale a un circuito nel quale il capitalismo digitale è al contempo soggetto produttivo e istanza di consumo, compendiando in sé l’una e l’altra funzione, decreta l’obsolescenza di quelle forme della politica che identificano nella partecipazione collettiva, consapevole e motivata, una premessa fondante: quella per cui qualsivoglia emancipazione individuale non può passare se non attraverso un agire collettivo informato alla critica dei processi di riproduzione dei poteri.
Il panorama, non solo italiano è oggi sospeso tra lo Scilla dei populismi e dei sovranismi, dove vale la logica del mucchio selvaggio, insieme alla ricerca di un leader che si fa «capo», e il Cariddi del sogno tecnocratico, fondato su un’inesistente neutralità dei percorsi decisionali. L’uno e l’altro atteggiamento sono entrambi figli della stessa matrice, quella che porta collettività in affanno a rifugiarsi in una qualche speranza salvifica basata sulla delega assoluta e non più negoziabile.
Si tratta, per più aspetti, di una dinamica di crescente auto-espropriazione. Le democrazie contemporanee, storicamente, muoiono attraverso una tale traiettoria, quand’essa coniuga sfiducia ad angoscia, ricerca di consolazione a scetticismo sistematico, subordinazione a senso di impotenza. A poco valgono – quindi – i rimandi, in sé tanto fondanti quanto imprescindibili, all’impianto di valori e di esperienza storiche dell’antifascismo medesimo. Il vizio, per così dire, non sta in ciò che viene detto ma in chi non intende ascoltare.

E NON A CASO, ALLORA, a giudicare dal ripetersi maniacale di diffuse reazioni che recuperano il substrato dei cliché fascistoidi, il calco lasciato dal Ventennio mussoliniano risulta essere non solo pervicace ma anche di nuovo diffuso. Costituisce, infatti, una sorta di elemento underground, che carsicamente riemerge nei momenti della disillusione, del disincanto, della sfiducia rispetto al tempo a venire. Qualcosa, per intendersi, che non può essere liquidato come vestigia del passato, manifestandosi semmai come un fenomeno adattivo del giudizio di senso comune: conformismo, camaleontismo, gregarismo non rimandano a categorie moralistiche, come neanche a un improbabile «fascismo eterno», bensì all’ossatura di un’asfittica ricerca di una via di fuga da un eterno presente, quello del declino, che è altrimenti inteso come l’unico contesto della quotidianità.
Come tale, ciò che resta del fascismo non rimanda al pieno di un passato che non trascorre ma al vuoto di un tempo a venire che da molti è vissuto al pari di un orizzonte senza nessuna meta. Contro il quale varrebbe quindi il recuperare qualcosa che sembra indicare una linea di salvezza, in cui troverebbero soddisfazione quei bisogni di sicurezza, protezione, stabilità e identità che sono invece sentiti come totalmente insoddisfatti.

IN QUESTO QUADRO di riferimento – ben poco confortante, poiché rinvia non solo ai deficit di cognizione di sé e dei propri interessi che caratterizzano ampi settori della nostra società ma anche a una crisi violenta, e apparentemente irreversibile, del politico come sfera decisionale autonoma – ritornano i temi di un autoritarismo salvifico. Si tratta di moneta spicciola, facilmente fruibile nel dibattito quotidiano. Non prefigura peraltro dittature a venire bensì società perennemente fragili e quindi instabili, incapaci di reagire ai percorsi di spossessamento e di perdita di emancipazione che sono da tempo in atto, con la crescita delle diseguaglianze e della frammentazioni sia nel mercato del lavoro che nel circuito della fruizione dei diritti.
La crisi dell’antifascismo, se di ciò vogliamo parlare non come di uno slogan che si trasforma da subito in un banale tormentone, richiama essenzialmente un tale scenario: poteri pubblici deboli, amministrazioni distanti se non ostili, collettività sfrangiate, subalternità della politica all’ipertrofia dei processi economici globalizzanti. In un ambiente tossico, dove l’irrazionalismo si incontra con l’esasperazione, la mancanza stessa di risorse si traduce non in richiesta di diritti bensì di risarcimenti, mentre la condizione subalterna non formula domande di liberazione ma vagiti vittimistici.

LA MISCELA POPULISTICA si alimenta di un tale carburante. Non è quindi in crisi la sola narrazione antifascista come tale ma i fondamentali della coesione sociale, di cui essa medesima è pure stata, fino alla fine degli anni Settanta, un elemento imprescindibile. Al netto delle molteplici opposizioni che registrò sempre e comunque e quindi del suo costituire essenzialmente un patrimonio per minoranze consapevoli. In Italia, il superamento del regime fascista fu realizzato non solo in ragione di una sua incontrovertibile sconfitta storica, consumatasi anche sui campi di battaglia, ma per il successivo tramite dell’introduzione di un sistema istituzionale, politico e solo in parte amministrativo, basato sul costituzionalismo sociale.

LA GENESI, l’elaborazione e il varo della nostra Carta fondamentale, che fissava rigorosamente la natura antifascista della Repubblica, avvenne grazie al caparbio lavoro di una generazione di oppositori che aveva coltivato la consapevolezza della necessità di una rottura sistematica non solo con il fascismo ma anche con le ombre, le inadempienze e gli anacronismi della precedente società liberale.
Fu un impegno tanto intenso, scaturito dalla materialità della lotta di Liberazione e dalla sua politicizzazione, quanto delegato ad un nucleo di innovatori. Il resto della popolazione ne rimase molto spesso fuori. Non perché esclusa a priori ma in quanto intimamente estranea a quella medesima alfabetizzazione politica che i partiti di massa e gli organismi dell’intermediazione introdussero da subito, ovvero a conflitto armato appena conclusosi.
Si è spesso dibattuto, e a ragione, sui mancati processi nei confronti dei criminali in camicia nera e nei riguardi della violenza fascista nel suo complesso, identificando negli uni e nell’altra alcune delle ossature fondamentali del trascorso regime.
Tuttavia, ben poco ci si è soffermati sul fatto che al nostro Paese, come a tante altre nazioni continentali, dopo una frattura epocale come quella vissuta in quegli anni, occorresse non esclusivamente un processo penale verso i tanti colpevoli ma soprattutto una rielaborazione critica, da parte delle società, nel merito della compartecipazione collettiva a quel sistema di compromissione che stava alla base delle dittature.

L’OMISSIONE di un tale sforzo si tradusse pressoché da subito in un percorso di rimozione. Si sa bene come ciò che viene temporaneamente omesso sia poi destinato, in qualche modo, a riemergere. Soprattutto nelle grandi transizioni sociali. La persistenza dell’impronta fascista, quindi della sua pedagogia nera, del suo interclassismo corporativo, della sua ridondante retorica, della sua capacità di accomodamento qualunquista, dell’identità conformistica, della seduzione del vuoto di politica che da essa promanava, costituisce a tutt’oggi un problema irrisolto.

SE L’ANTIFASCISMO si è adoperato per capovolgere questi paradigmi dell’annichilimento, la sua crisi segnala essenzialmente il reciproco rinforzo tra defezione collettiva dalla politica, declino della partecipazione pubblica, frammentazione delle appartenenze e conclamata deficienza di governo delle classi dirigenti, laddove queste ultime si proclamano indifferenti al destino dei territori.
Il fascismo, in altra epoca storica, fu la risposta a un tale scenario involutivo, ottenendo una piena delega di gestione autoritaria dei processi derivanti dai conflitti sociali e del pluralismo culturale. La storia, va da sé, non si ripete. I quadri delle crisi di sistema, invece, sembrano molto spesso assomigliarsi.