Officina dei saperi | Il diritto alla città storica | Roma, 12 novembre 2018
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
3459
post-template-default,single,single-post,postid-3459,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Il diritto alla città storica | Roma, 12 novembre 2018

Roma, 12 novembre 2018, presso la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, Palazzo Patrizi Clementi, Sala conferenze, via Cavalletti 2

10:30 – Presiede: Marisa Dalai Emiliani

Introduce: Vezio De Lucia

Saluti di Margherita Eichberg

Le emergenze: Firenze, Ilaria Agostini; Roma, Giancarlo Storto; Venezia, Paola Somma

12:30 – Premio speciale Ranuccio Bianchi Bandinelli a Pierluigi Cervellati

Video intervista a cura di Maria Pia Guermandi e Giuseppina Tonet

14:30 – Presiede: Umberto D’Angelo

Discutono la proposta di legge per la tutela dei centri storici: Giovanni Losavio, Elio Garzillo, Walter Tocci

Intervengono:

Luigi De Falco, Le proposte di Italia Nostra

Roberto De Marco, I centri storici terremotati

Daniele Iacovone, Fra paesaggio e bene culturale

Alessandro Leon, L’impatto economico della legge proposta sull’amministrazione pubblica

Laura Travaglini, La classificazione tipologica dell’edilizia storica

Tomaso Montanari, Le pietre e il popolo

17:30 – Conclude: Vezio De Lucia