Officina dei saperi | Bevilacqua | Il sole di Tommaso
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
3245
post-template-default,single,single-post,postid-3245,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Bevilacqua | Il sole di Tommaso

Segnaliamo l’uscita dell’ultimo libro di Piero Bevilacqua, Il sole di Tommaso (Castelvecchi, 2018). Dalla quarta di copertina:

«Che se ne fanno della speranza? Quella speranza è un inganno. Ognuno pensa a salvarsi ubbidendo e nessuno ardisce di unire tutti per abbattere chi opprime. La speranza è la rassegnazione di ognuno e la schiavitù di tutti».

L’intera vita di Tommaso Campanella è un appassionato, grandioso progetto di rivolta. Ribellione contro la monarchia di Spagna, la Chiesa, la filosofia scolastica, il pensiero unico della sua epoca. Il frate calabrese è animato dalla visione utopica di una possibile società egalitaria da edificare grazie a una rinnovata fede. Con una potenza intellettuale senza pari, che giganteggia sulle menti dei contemporanei, sogna il mondo pacificato da una nuova fratellanza fra i popoli e da un riconoscimento della dignità della Natura, dei sensi e dei diritti di tutti i viventi.

Ma è consapevole dell’enormità dell’impresa, a partire dalla sua Calabria, marginale e oppressa. Solo le catastrofi naturali, preconizzate dalla sua mente profetica, possono creare le condizioni perché l’ordine dominante tracolli e il popolo irrompa nella Storia con la sua rivolta liberatrice. Il fallimento della congiura, finita in una sanguinaria repressione, non fa che aggiungere splendore a un’utopia ancora oggi necessaria.