Allegri, Bronzini | Un’introduzione al Manifesto di Ventotene
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
521
post-template-default,single,single-post,postid-521,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.0.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.1.4,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Allegri, Bronzini | Un’introduzione al Manifesto di Ventotene

di Giuseppe ALLEGRI e Giuseppe BRONZINI

«Rileggendo oggi Il Manifesto di Ventotene (Per un’Europa libera e unita – Progetto d’un manifesto, scritto a quattro mani da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, nel confino di Ventotene, nel 1941) […] quel che colpisce con maggiore evidenza “politica” è la testimonianza antinazionalista e, nel linguaggio di oggi, “antisovranista”.

In un’Europa ancora in gran parte sotto il giogo nazista il Manifesto e gli scritti di quel periodo sembrano dare per acquisita la lotta di liberazione e la costruzione di un fronte antifascista vincente e – in alcuni passaggi – quasi per scontata la vittoria finale e la capacità rigeneratrice delle forze democratiche».

Per continuare a leggere l’introduzione di Bronzini e Allegri a Ventotene. Un manifesto per il futuro, con scritti di Giuseppe Allegri, Giuseppe Bronzini, Luciana Castellina, Pier Virgilio Dastoli, Luigi Ferrajoli, Lucio Levi, Antonio Negri (manifestolibri, 2014) clicca qui.