Il diritto alla città storica. Il libro
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
3793
post-template-default,single,single-post,postid-3793,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.0.8,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.1.5,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Il diritto alla città storica. Il libro

Segnaliamo l’uscita del volume collettaneo Il diritto alla città storica (Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli, Roma, 2019), curato da Maria Pia Guermandi e Umberto D’Angelo.

Il volume raccoglie gli atti del convegno “Il diritto alla città storica“, organizzato dall’Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli e tenutosi il 12 novembre 2018 a Roma, presso la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale.

Il convegno ha rappresentato la conclusione dell’impegnativo lavoro di stesura di una proposta di legge per la tutela e il ripopolamento delle città storiche (cfr. pp. 75-77), che, riprendendo i fili dell’esperienza italiana (a partire dalla Carta di Gubbio e dal piano di Bologna), prevede la dichiarazione dei centri storici come “beni culturali d’insieme”, istituisce il divieto di demolizione e ricostruzione e di trasformazione distruttiva, e ripopola il tessuto urbano centrale tramite la previsione di un piano decennale di edilizia residenziale pubblica.

(i.a.)

Il libro si può leggere cliccando qui.