Officina dei Saperi
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
-1
archive,author,author-franco-trane,author-20,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

CRISI CLIMATICA: UNA RAGIONE IN PIÙ PER FERMARE LA GUERRA da IL MANIFESTO

Crisi climatica, una ragione in più per fermare il conflitto ucraìno EFFETTI COLLATERALI. La guerra in Ucraina deve finire anche per scongiurare l’ineluttabilità della catastrofe ambientale e quella sociale che ne deriva. Nei negoziati un ruolo alla decarbonizzazione Federico Maria Butera  20/05/2022 La guerra in Ucraina sta facendo precipitare

GEOPOLITICA, BLOCCHI, RICATTI, VALORI, NAZIONALISMI. da IL MANIFESTO e IL FATTO

Torna la logica dei blocchi e dei ricatti GUERRA UCRAÌNA. La guerra, o anche la semplice minaccia di guerra, “giusta” o ingiusta che sia, comporta sempre una riduzione della democrazia e un ridimensionamento della vita civile. Questa estraneità della geopolitica alle ragioni della democrazia deve essere messa

“SOCIALISMO NELLA LIBERTÀ” tra EST AUTORITARIO e OVEST a LIBERTÀ LIMITATA da IL MANIFESTO

Berlinguer e la Nato, un equivoco che dura ancora BERLINGUER E LA NATO. Il segretario del Pci in tv nel giorno dell’intervista al Corriere: «Questo Patto Atlantico presentato come scudo di libertà ha tollerato per anni la Grecia fascista, il Portogallo fascista» Guido Liguori  18/05/2022 Per i drammatici fatti

LO SPIRITO DELL’OCCIDENTE e L’EUROPA da IL MANIFESTO

Lo spirito dell’Occidente e l’Europa IN UNA PAROLA . La rubrica settimanale su linguaggio e società. A cura di Alberto Leiss Alberto Leiss  17/05/2022 Una guerra “nel cuore dell’Europa”. Quando leggo o ascolto questa espressione provo due sentimenti. Mi fa più paura una carneficina così “vicina”, non tanto geograficamente (Libia,

L’APOCALISSE dei CAPITALISTI UMANI da IL MANIFESTO

L’apocalisse dei capitalisti umani SCAFFALE. Da giovedì 19 in libreria «Una vita liberata» di Roberto Ciccarelli, per DeriveApprodi. Umberto Fadini  17/05/2022 Il nuovo libro di Roberto Ciccarelli, Una vita liberata. Oltre l’apocalisse capitalista (DeriveApprodi, pp. 320, euro 22), esprime un vero e proprio piacere nei confronti del problematico. Questo non significa

TERZO RAPPORTO della COMMISSIONE FEMMINICIDIO da IL FATTO

La Commissione Femminicidio conferma: nei tribunali si confonde la violenza con il conflitto e si colpevolizzano le donne Nadia Somma 14/05/2022 Venerdì mattina è stato presentato in Senato il terzo rapporto della Commissione Femminicidio presieduta dalla senatrice Valeria Valente. Sono stati analizzati 1500 fascicoli di tribunali ordinari e minorili e

GUERRA UCRAÌNA, PERCHÈ DEVE VINCERE la PACE da IL MANIFESTO

Guerra ucraìna, perché deve vincere la pace ESCALATION. L’Italia invece ora invia anche armi pesanti, ma l’intenzione è cambiata radicalmente: da azione di sostegno alla difesa ucraìna all’offensiva contro Mosca e in terra russa Giulio Marcon  14/05/2022 Ieri il capo del Pentagono Austin ha chiamato il suo corrispettivo russo

FACCIAMO il PUNTO SULL’ALLARGAMENTO della NATO in EUROPA ORIENTALE da MONDO INTERNAZIONALE

L’allargamento della NATO in Europa orientale e l’adesione dell’Ukraina. Facciamo il punto IRENE BOGGIO 01/03/2022 Tra le garanzie di sicurezza richieste dalla Russia alla NATO, nel mese di dicembre, quali condizioni per l’allentamento della pressione sull’Ucraina e la de-escalation della crisi russo-ucraina, quella che più ha fatto discutere è stata quella relativa al divieto di nuovi

UE: ASCOLTARE i CITTADINI e LAVORARE a un COMPROMESSO da IL MANIFESTO

«L’Ue deve ascoltare i cittadini e lavorare a un compromesso» CRISI UCRAINA. Parla Alberto Bradanini, ex console generale a Hong Kong e ambasciatore in Iran e Cina Rossella Guadagnini  10/05/2022 L’Europa pagherà, con gli ucraini, il costo della guerra. Ne è convinto Alberto Bradanini, ex console generale d’Italia a

LA COSTITUZIONE, L’INVIO DI ARMI e la SAGGEZZA di SANCHO PANZA da IL MANIFESTO

La Costituzione, l’invio di armi e la saggezza di Sancho Panza DIRITTI. Perché l’art. 11 dichiara il ripudio della guerra intesa non solo come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli, ma anche come mezzo di risoluzione dei “conflitti internazionali” Edoardo Caterina, Matteo Giannelli, Domenico Siciliano  10/05/2022 L’invio

WEO: AFFANNO DELL’ECONOMIA MONDIALE da IL MANIFESTO

Fondo monetario e affanno dell’economia mondiale NUOVA FINANZA PUBBLICA. La rubrica settimanale a cura di Nuova Finanza pubblica Matteo Bortolon  07/05/2022 Il World Economic Outlook (WEO) del Fondo monetario internazionale è una delle pubblicazioni più importanti esistenti in materia economica e finanziaria; esce due volte all’anno, ad aprile e ottobre, e

UNA CONFERENZA INTERNAZIONALE per PROMUOVERE la PACE e la SICUREZZA da IL MANIFESTO

Per fermare la guerra una nuova conferenza di Helsinki per la pace CRISI UCRAINA. Mattarella ha sollecitato «una sede internazionale che rinnovi radici» a pace, sicurezza e cooperazione, come «la Conferenza che nel ’75 portò a un Atto finale dagli sviluppi positivi». Gaetano Azzariti  05/05/2022 La richiesta di promuovere

LETTERA APERTA ALLA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA da CENTRO PER LA PACE

BREVE E FRANCA: UNA LETTERA APERTA ALLA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, AFFINCHE' VOGLIA FINALMENTE ADOPERARSI PER LA PACE CHE SALVA LE VITE 02/05/2022  Centro di ricerca per la pace" (via nonviolenza Mailing List) <nonviolenza@peacelink.it> Gentilissima Presidente von der Leyen, mi perdoni l'ingenuità di scriverle da semplice cittadino. Ma lei

LA GUERRA TRASFORMA il CONFINE in FRONTIERA che DIVENTA BARRIERA da IL MANIFESTO

Con la guerra il confine si trasforma in frontiera che diventa barriera CONFLITTI ARMATI. Il dualismo amico-nemico diventa un gioco mortale e si ossifica. La differenza si trasforma in estraneità e ostilità. Se sei critico con la Nato diventi subito un putiniano Alfonso Maurizio Iacono  04/05/2022 Il grande

COSA PERMETTE e GIUSTIFICA la SERVITÙ VOLONTARIA? da IL MANIFESTO

Quando la finzione è integrata e il «pubblico» non è un «popolo» INDAGINI. Il saggio «Società della merce» di Alessandro Simoncini, pubblicato da Mimesis Mario Pezzella  04/05/2022 Il libro Società della merce, spettacolo e biopolitica neoliberale di Alessandro Simoncini (Mimesis, pp. 310, euro 25) cerca di dare una risposta attuale a

RIDEFINIRE L’ORDINE GLOBALE da IL MANIFESTO

Guerra ucraìna e ridefinizione dell’ordine globale IL CONFLITTO UCRAINO. Il cambiamento in atto è che un numero crescente di osservatori occidentali è sempre più consapevole dello slittamento degli equilibri di potere da Occidente verso Oriente Lorenzo Kamel  03/05/2022 Nel 1989 la sociologa statunitense Janet Abu-Lughod predisse che l’epoca dell’egemonia

NEL BIZZARRO PAESE DEI “DESOMBRATI” da IL MANIFESTO

Nel bizzarro paese degli abitanti senza più il «lato oscuro» NARRATIVA ITALIANA. Il romanzo «Città delle ombre perdute» di Piero Bevilacqua per Castelvecchi Checchino Antonini Che posto strano questa Città delle ombre perdute, inventata da Piero Bevilacqua per i tipi di Castelvecchi (pp. 160, euro 17,50). Mirasole, città immaginaria, somiglia

DEMOCRAZIE CONTRO DITTATURE IN UCRAÌNA? da IL MANIFESTO

Democrazie contro dittature in Ucraina? L'ANALISI. Ormai senza conflittualità interna agli Stati, non ha più ostacoli la conflittualità esterna, frutto di un mondo in cui si parla ovunque la stessa lingua, quella del profitto Paolo Favilli  30/04/2022 In un recente articolo sull’elogio del «però» come prima consapevolezza dell’esercizio della

“VINCERE LA GUERRA”: LA CATASTROFE a PORTATA di MANO da IL MANIFESTO e 18BRUMAIO

«Vincere la guerra», ovvero la catastrofe a portata di mano CRISI UCRAINA. Non si parla più di far cessare il conflitto, ma di vittoria, con costi umani ed economici incalcolabili. La vittima politica della escalation a guida angloamericana è l’Ue Marco Bascetta  28 aprile 2022 La responsabilità di questa

È SOSTENIBILE MORALMENTEOGGI LA GUERRA? da IL MANIFESTO

Marcia PerugiAssisi: Appelli, proposte e impegni per togliere la parola alle armi APPELLO. All’indomani della Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità del 24 aprile e delle numerose manifestazioni che si sono svolte in atre città italiane, mentre continua l’escalation della guerra e […] ***  26/04/2022 All’indomani della Marcia

IL NESSO INDISSOLUBILE TRA ANTIFASCISMO e COSTITUZIONE da IL MANIFESTO

Il nesso indissolubile tra antifascismo e Costituzione 25 APRILE. L'antifascismo riconosce la democrazia come conflitto. Ed impegna contro ogni forma di oppressione, del pensiero, del dissenso, sociali, di genere, economiche e, non ultima, la guerra Alessandra Algostino  26/04/2022 «Il fascismo ha tradito l’Italia, …togliendo ai lavoratori le loro libertà,

IL NUOVO TOTALITARISMO da IL FATTO e 18 BRUMAIO

    Dalla Francia all’Italia qualcuno dica alla sinistra quale destra votare Alessandro Robecchi    20 APRILE 2022 Domenica si vota in Francia, si decide se tenersi l’usato sicuro di Macron o gettarsi dalla rupe verso madame Le Pen, una specie di Meloni francese ma meno corteggiata dai media. Cinque anni fa i francesi

IL MURO MENTALE DENTRO DI NOI da IL MANIFESTO

Il valore della Liberazione come condanna della guerra ANPI. Per questo il modo peggiore di celebrare il 25 aprile, tradendone lo spirito, è l’ accanimento, nell’aggressione alla principale associazione partigiana italiana, l’Anpi. Simone Weil, combattente della guerra civile, approvò il non-intervento francese: «Perché invece di ristabilire l’ordine

EMERGENZA CLIMATICA: GLI ECOSISTEMI QUOTATI IN BORSA da IL MANIFESTO

Assalto alla natura: gli ecosistemi quotati in Borsa NUOVA FINANZA PUBBLICA. Siamo all’atto finale. Il modello capitalistico nella sua fase della finanziarizzazione spinta ha la necessità di sottoporre a valorizzazione finanziaria ogni aspetto della vita con una pervasività direttamente proporzionale al castello di carta su cui si

GIUSTA L’EQUIDISTANZA DA TORTI, ERRORI e FURBIZIE da IL MANIFESTO

Giusta l’equidistanza da torti, errori e furbizie IL PACIFISMO DELL’ANPI. In vista del 25 aprile si intensifica la polemica contro l’Anpi, per non essersi schierata senza distinguo con il nutrito fronte dei sostenitori di Kiev nell’attuale guerra in Ucraina. L’obiezione […] Guido Liguori  22/04/2022 In vista del 25 aprile

GERUSALEMME: PUÒ NASCERE UNA NUOVA INTIFADA da IL MANIFESTO

Sulla Spianata delle moschee può nascere una nuova Intifada GERUSALEMME. Una clima di forte tensione avvolge oggi la preghiera nella città vecchia. Scontri violenti sulla Spianata di Al Aqsa potrebbero dare vita a una escalation senza precedenti negli ultimi anni Michele Giorgio, GERUSALEMME  22/04/2022 L’atmosfera è elettrica nella città

DEMOCRAZIA? GIUSTIZIA? IPOCRISIA!!! da IL MANIFESTO

LAssange: Bavagli, segreti e bugie nella serena aria dell’Ovest   WIKILEAKS. Confermata l'estradizione dell'attivista in un'udienza di appena sette minuti della Westminster Magistrates' Court Vincenzo Vita  21/04/2022 In un’udienza di appena sette minuti, il giudice della Westminster Magistrates’ Court di Londra Paul Goldspring ha ieri mattina emesso un verdetto molto

ONU: CONFLITTI e DIRITTI da IL MANIFESTO

Da che parte sta il diritto internazionale? CONFLITTO UCRAINO. Rimane un fatto innegabile: che quando le norme del diritto internazionale vengono violate, l’insufficienza della risposta lascia tutti, quasi sempre, insoddisfatti Antonio Marchesi  20/04/2022 È corretto prendere posizione, schierarsi, rispetto al conflitto russo-ucraino, invocando argomenti fondati sul diritto internazionale? Se

IDDIO ACCECA COLORO CHE VUOLE PERDERE da IL MANIFESTO

La Russia accusa il colpo, ma anche l’economia globale Si dice che la governatrice della Banca centrale russa, Elvisa Nabiullina, avesse avuto l’intenzione di dimettersi subito dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio, ma che evidenti ragioni di opportunità politica […] Alfonso Gianni  19/04/2022  Si dice che la governatrice

DICHIARAZIONE del MOVIMENTO PACIFISTA UCRAINO da PEACELINK

Dichiarazione del Movimento Pacifista Ucraino   Inviato a PeaceLink da Yurii Sheliazhenko, segretario esecutivo del Movimento Pacifista Ucraino Yurii Sheliazhenko (Ukrainian Pacifist Movement ) 8 febbraio 2022  Tradotto da Francesco Iannuzzelli per PeaceLink La popolazione del nostro paese e il pianeta intero sono in pericolo mortale a cause del confronto nucleare tra Oriente

IL DOCUMENTO di EINSTEIN e RUSSELL per il DISARMO NUCLEARE da AGI

Il documento promosso da Einstein e Russell per il disarmo nucleare Nel 1955 lo scienziato e il filosofo-matematico promuovono una dichiarazione a favore della scelta pacifista per l’umanità, sottoscritta da scienziati e intellettuali 18 aprile 2022AGI - Nel 1955 lo scienziato Albert Einstein e il filosofo-matematico Bertrand Russell

PORSI DOMANDE CRITICHE: ELOGIO DEL “PERÒ” da IL MANIFESTO e IL FATTO

Elogio del «però», antidoto dell’interventismo LESSICO D'EPOCA. Comprensione significa innanzitutto contestualizzazione dell’oggetto, cioè il suo inserimento in un sistema di relazioni che abbiano una propria coerenza (struttura) sia nello spazio che nel tempo. Il «però» esprime, dunque, una prima consapevolezza della necessità di porsi domande critiche di

SCARAFONI DI SERIE A e SCARAFONI DI SERIE B da IL MANIFESTO

Non tutti gli scarafoni sono accolti in casa nostra VERITÀ NASCOSTE. La rubrica settimanale su psicologia e società. A cura di Sarantis Thanopulos Sarantis Thanopulos  16/04/2022 Il presidente della Regione Friuli-Venezia-Giulia, ha voluto distinguere tra i bambini ucraini e i migranti della “rotta balcanica”. Ha indicato che “i due

FINLANDIA e SVEZIA NELLA NATO? UN ATTACCO ALL’EUROPA da IL MANIFESTO

Finlandia e Svezia nella Nato? Perché è un attacco all’Europa L’addio alla neutralità è un regalo agli Usa e alla politica di guerra di Putin che gli assicura consensi interni. E contro l’art.10 atlantico: le adesioni non pregiudichino la sicurezza Gian Giacomo Migone  16/04/2022 L’adesione di Finlandia e

LE ISTITUZIONI GLOBALI MANCANO DI “AUTORITÀ SOVRANA” da IL MANIFESTO

Contro il blocco del gas russo prevalgono le ragioni dell’economia SCENARI. Si presenta l’occasione unica di opporci alla guerra e di accelerare la conversione energetica. Da un passaggio alle fonti rinnovabili ci sarebbe tutto da guadagnare Gaetano Lamanna  14/04/2022 La dipendenza dal fossile ha avuto un ruolo rilevante nel

PALESTINA: L’OCCUPAZIONE HA SFORATO IL LIMITE DELLA LEGALITÀ da IL MANIFESTO

«55 anni di occupazione, Israele ha sforato il limite della legalità» ISRAELE/TERRITORI. Intervista a Francesca Albanese, nuova Relatrice per i diritti umani nei Territori palestinesi occupati. «L'occupazione militare è diventata un veicolo per la colonizzazione israeliana» Michele Giorgio  14/04/2022 È italiana la nuova Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sulla

NUOVA CRISI SOCIALE. IL RIARMO TOGLIERÀ RISORSE A WELFARE e LAVORO da IL MANIFESTO

“La Flai Cgil è al fianco dell’Anpi. Il riarmo toglierà risorse a welfare e lavoro” INTERVISTA. Il segretario generale del sindacato dell'agroindustria denuncia il "metodo Boffo" ai danni dell'Associazione nazionale partigiani, sottolineando gli effetti nefasti dell'economia di guerra sulla sanità, la scuola, la riconversione energetica e la

UN MONDO POCO RACCOMANDABILE. MA LA SPERANZA NON È MORTA da IL MANIFESTO

La guerra, l’Europa, i populismi, nel centenario di Berlinguer L'ANALISI. Il mondo appare un luogo poco raccomandabile, tra guerra e crisi climatica, rinascita dei nazionalismi e pericoli autoritari, tra ascesa dei violenti e diffusione della violenza Aldo Tortorella 12/04/2022 La guerra al centro dell’Europa con la brutale aggressione russa

I MORTI SONO UGUALI. LE RAGIONI DEI VIVI NO da IL MANIFESTO e MICROMEGA

Una trama svelata nei corpi NOVECENTO. Quale il senso di una «Giornata della memoria» per gli alpini caduti a Nikolaevka nel 1943 durante l’invasione dell’Urss. La radice antifascista della Repubblica è messa in gioco sotto le spoglie di un’inesistente pacificazione. Come hanno narrato Nuto Revelli, Mario Rigoni

LA NON COLLABORAZIONE CON IL MALE. LA SOLIDARIETÀ APERTA DEI GIUSTI da PRESSENZA

La nonviolenza come equivalente morale della guerra: la “nonmenzogna” sull’insegnamento di Aldo Capitini 09.04.22 - Pasquale Pugliese C’è un tragico precedente storico che ricorda il clima culturale e informativo che stiamo vivendo in queste settimane in Italia, nel quale il giornalismo è spesso vittima della propaganda (come denunciano anche

I CONFLITTI SI RISOLVONO CON I NEGOZIATI, NON CON LA GUERRA da PRESSENZA

Oleg Bodrov e Yurii Sheliakhenko: “I conflitti si risolvono con i negoziati, non con la guerra” 09.04.22 - International Peace Bureau L’intervista che segue è stata condotta da Reiner Braun, direttore esecutivo dell’International Peace Bureau, organizzazione Premio Nobel per la Pace 1910, via e-mail nei giorni scorsi con il

POTERE: VIOLENZA, IPOCRISIA, REVISIONISMO da IL MANIFESTO

La giornata per Nikolajewska, revisionismo e memoria MEMORIA E REVISIONISMO. Così, la memoria delle Shoah è disinnescata, incastrata fra due celebrazioni che la contraddicono o la sminuiscono: la campagna di Russia e le foibe Alessandro Portelli  09/04/2022 Avevo cercato Bruno Eluisi per il mio libro L’ordine è già stato eseguito,

LA LEZIONE DI DOSTOEVSKIJ TRA BENE E MALE da IL MANIFESTO

La lezione di Dostoevskij sulla lotta tra bene e male, ovvero sulla guerra LETTERATURA E CENSURA. Putin «Superuomo» come Raskòl'nikov invadendo l’Ucraina pensa che per «togliere di mezzo il Male» ogni mezzo sia giustificato. Probabilmente è quello che pensa anche Biden Enzo Scandurra 07/04/2022 L’episodio, troppo facilmente dimenticato, della

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEI TALK da IL MANIFESTO

L’insostenibile leggerezza dei talk Vincenzo Vita  06/04/2022 Circa 100 ore di trasmissione al giorno di talk televisivi: è la nuova dieta mediatica.Non fu così per tanti anni, quando l’informazione era sinonimo di radio e telegiornali, e gli approfondimenti consistevano in rubriche speciali né usurate né ripetitive. Arrivarono la seconda

L’IRRESISTIBILE VERTIGINE DELLA GUERRA da IL MANIFESTO

L’irresistibile vertigine della guerra PACIFISMO. In questo vuoto è come se non ci fosse nessuna alternativa credibile alla risorsa assolutizzata delle armi, né diplomazia, né sostegno alle vittime con la mobilitazione di pace Marco Revelli  03/04/2022 «Va chiamata ‘vertigine’ ogni attrazione il cui primo effetto sorprenda e disorienti l’istinto

NON COSTRUIAMO LA NOSTRA VITA NEI TRIBUNALI DELLA STORIA da IL MANIFESTO

L’agire “fuori” e la lezione tragica VERITÀ NASCOSTE. L’agire che ha come suo unico scopo di scaricare una tensione emotiva diventata ingestibile, produce un senso che solo un osservatore esterno può cogliere Sarantis Thanopulos    02/04/2022 Nella cerimonia di assegnazione degli Oscar l’Ucraina e la guerra sono state appena menzionate.

LA SOCIETÀ ANESTETIZZATA È MALATA, DEPRESSA, IMPULSIVA da IL MANIFESTO

La frontiera politica della nostra mente TEMPI PRESENTI. «La miseria simbolica», l’opera in due volumi di Bernard Stiegler, per Meltemi. In «L’epoca iperindustriale» e «La catastrofe del sensibile» si identificano l’arte e l’estetica come antidoti alla scomparsa di una sfera allo stesso tempo individuale e pubblica. Di

PER UNA CONFERENZA NAZIONALE SUL CAMBIAMENTO ENERGETICO da IL MANIFESTO

Per una Conferenza nazionale sul cambiamento energetico LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI. Le conseguenze della guerra devono spingere verso provvedimenti ancora più urgenti per le realizzazioni energetiche, con il coinvolgimento dei cittadini *** 30/03/2022 Egregio Presidente, concordiamo con quanto da Lei affermato sulla necessità che, di fronte all’invasione russa dell’Ucraina,

L’IMPENSABILE E L’INDICIBILE COME “OPZIONE POSSIBILE” da IL MANIFESTO

Se l’ipotesi del conflitto nucleare diventa discorso corrente L'analisi. In nome di un cieco affidamento al fascino della guerra, l’impensabile e l’indicibile, è diventato, nella cronaca quotidiana e nell’immaginario, "opzione possibile" Marco Revelli  22.03.2022 Mentre la guerra in Ucraina sembra entrare in una fase di relativo stallo, pur con

SINISTRA: LA DISCRIMINANTE DELL’ADESIONE ALLA GUERRA da IL MANIFESTO

Nella storia della sinistra la discriminante dell’adesione alla guerra No War. Contrastare chi agitava lo spauracchio militarista dell’aggressore per derubricare le riforme sociali, fu una conquista di Rosa Luxemburg e delle femministe comuniste. Il pensiero socialista ha offerto il suo apporto più interessante alla comprensione dei conflitti