Officina dei saperi | Natura (diritti della)
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
2252
post-template-default,single,single-post,postid-2252,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Natura (diritti della)

di Michele CARDUCCI, da: Digesto delle discipline pubblicistiche, diretto da Rodolfo Sacco, a cura di Raffaele Bifulco, Alfonso Celotto, Marco Olivetti, UTET, Torino, 2017

I. QUALE NATURA PER QUALI DIRITTI?

1. Inquadramento semantico.

Quello dei diritti della natura (d’ora in poi DDN) è tema insidioso e persino ambiguo, per quattro ordini di ragioni:

1) presuppone che i giuristi sappiano che cosa sia la natura, in una parola si vogliano raccordare all’ecologia, la «più umana» delle scienze naturali, per conoscere e comprendere i dispositivi fisiologici che presidiano l’intera realtà della Terra, non solo le metodologie dell’umanità dentro e tra Stati;

2) rinvia alla semantica storica della soggettività giuridica, con tutto il suo carico di autoevidenze paradossali e di finzioni (a partire da quelle sulla personalità giuridica);

3) richiede definizioni di separazione rispetto all’armamentario concettuale e dogmatico del diritto ambientale, dato che quest’ultimo si è evoluto come disciplina del danno e della funzione di sua riduzione nonché come protezione e conservazione controllata della natura in nome degli interessi umani, nella indifferenza del nesso tra forme umane di governo e fisiologie della natura, lì dove l’acquisizione dei DDN dibatte di giuridicizzazione (e costituzionalizzazione) delle fisiologie naturali, che viceversa non operano come funzione del danno o mera protezione e richiedono invece valutazioni di compatibilità o adattamento delle forme di Stato e di governo;

4) proprio per questo, il tema dei DDN non coincide del tutto con le riflessioni ontologiche sulla natura nel e per il diritto, da sempre al centro delle filosofie del diritto e dei diversi giusnaturalismi dell’Occidente, ma molto meno pressanti in altre tradizioni di pensiero… Per continuare a leggere, clicca qui.