Il lupo per le orecchie. La questione meridionale di qua e di là dell’Atlantico
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
976
post-template-default,single,single-post,postid-976,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.0.8,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.1.5,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Il lupo per le orecchie. La questione meridionale di qua e di là dell’Atlantico

di Francesco AQUECI –

Di recente, in un volume intitolato Il Mezzogiorno e l’Italia, sono state riedite le riflessioni che Luigi Sturzo e Antonio Gramsci, all’inizio degli anni Venti del secolo scorso, dedicarono alla questione meridionale. Il caso ha voluto che uscissero quasi contemporaneamente a un libro che, all’apparenza, non ha niente in comune con esse, e cioè La guerra civile americana di Raimondo Luraghi, apparso poco dopo la morte del suo autore. Luraghi è l’autore della Storia della Guerra civile americana, un classico ormai della storiografia internazionale, risalente a un cinquantennio fa, ma è anche l’autore di un’opera più recente interamente dedicata al Sud nella storia degli Stati Uniti… CONTINUA A LEGGERE 

Lo scritto è  apparso su «Il Contributo», XXXVI, 5 n.s., gennaio/dicembre 2014, pp. 29-61