Gutenberg a scuola. Lettera e saggio di Dino Vitale
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
990
post-template-default,single,single-post,postid-990,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.0.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.0.7,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Gutenberg a scuola. Lettera e saggio di Dino Vitale

Caro Piero,

vedo un convinto entusiasmo. Si parte bene. Il sito, ricomposto in bella fattura, stimola già la voglia di intervenire. […] Sai che in venti anni di presidenza del nostro vecchio Liceo Galluppi [a Catanzaro] ho opposto una resistenza attiva al brutale slittamento aziendalistico della scuola. Ho visto arrivare il peggio e ora siamo nella tormenta.

Scuola, società, politica, sono le tre aree di depressione investite dalla crisi.
Il dibattito aperto è di grande interesse. Nei prossimi giorni, tolto di mezzo qualche fastidio, dirò qualcosa anch’io.

Intanto mi piacerebbe postare sul sito il pezzo pubblicato nel volume in onore di Augusto Placanica a proposito di Progetto Gutenberg [cliccare sulla scritta evidenziata in rosso per leggere il saggio di Vitale, n.d.r.]. È il racconto di un’esperienza non solo e non tanto di rigetto della scuola azienda, ma di prima costruzione di un’alternativa culturale immaginata nel vivo di una militanza e praticata sul campo. Al centro è rimasta (e rimane) l’idea di una scuola in cui il libro/i libri vanno promossi e diffusi come tramiti di un socratismo pervasivo e di un civismo appassionato.

A presto e un grande augurio ad Officina con un grazie a te e ai costruttori del sito.

Armando (Dino) Vitale