Università. La Corte Costituzionale boccia l’inglese come lingua esclusiva
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
1272
post-template-default,single,single-post,postid-1272,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.0.8,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.1.5,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Università. La Corte Costituzionale boccia l’inglese come lingua esclusiva

25 febbraio 2017

Caro Piero, cari tutti,

nel caso non l’aveste vista, vi mando la sentenza della Corte Costituzionale sull’inglese come lingua esclusiva nell’insegnamento universitario.

È una vittoria di grande portata per l’università italiana.

Un caro saluto

Giancarlo Consonni