DIFENDERE IL LAVORO da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
5787
post-template-default,single,single-post,postid-5787,single-format-standard,stockholm-core-2.2.0,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-7.9,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

DIFENDERE IL LAVORO da IL MANIFESTO

Chi difende il lavoro nel governo

È raro vedere a fine giugno una mobilitazione sindacale: evidentemente la situazione è davvero grave, e non solo per il braccio di ferro sul blocco dei licenziamenti

Norma Rangeri  22.06.2021

Il tono trionfalistico con cui il segretario del Pd ha commentato l’esito delle primarie non fa presagire nulla di buono, semmai indica la distanza che lo separa dalla realtà del paese. Come dimostra il fatto che i tre sindacati, Cgil, Cisl e Uil, siano costretti adesso a scendere in piazza per manifestare contro un governo nel quale il primo azionista (politico) è il Pd.

Sembra un paradosso, in realtà non lo è, perché se nasce una coalizione formata da Pd, 5S, Art.1, Italia Viva, Lega e Forza Italia, si fatica persino a sperare che lo sguardo sia rivolto verso chi vive solo del proprio lavoro. Gli interessi preminenti e dominanti sono invece altri.

Molti considerano Mario Draghi una specie di taumaturgo capace di traghettarci fuori dal disastro economico-sociale aggravato dalla tragedia della pandemia. Di sicuro si tratta di una persona preparata, capace di scelte economiche espansive e drastiche (come ha dimostrato nel corso degli ultimi anni in cui ha guidato la Bce). Tuttavia la sua è una storia tutta interna al capitalismo e certamente il lavoro non è la sua barra perché a indicargli la rotta sono gli investimenti, gli interessi, il Pil, il rating nazionale, le aziende (che infatti gli esprimono un alto gradimento, inversamente proporzionale all’opposizione riservata al governo Conte).

Non si può chiedere a chi ha nel suo Dna una formazione, un’esperienza, una credibilità apprezzata dalle banche e nel concerto internazionale, di stravolgere la propria immagine, indossando la tuta da lavoro. Semmai questa ipotetica tuta dovrebbe indossarla il Partito democratico, che, viceversa, appare sempre più coinvolto nelle logiche di potere che stravolgono chi è abituato a stare da troppo tempo nelle stanze dei bottoni, dove conta soltanto la capacità di decidere, influenzare. E di vincere (sempre meno) la battaglia del potere.

Il lavoro è, dovrebbe essere, comunque la chiave di volta politica, sociale, economica, perfino culturale di un partito che dice di difendere questo mondo. Però così non è.

Altrimenti Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, non direbbe che “ora domina lo sfruttamento, la precarietà l’insicurezza del lavoro…il tempo di vita e di lavoro viene piegato al mercato e al profitto. Questa assenza di vincoli sociali mette a rischio la tenuta democratica di un Paese”. Perciò la Cgil, insieme a Cisl e Uil, manifesterà sabato prossimo in tre città, Torino, Firenze e Bari, per un appuntamento che, seppure non richiamerà grandi numeri, può diventare un segnale importante.

È raro vedere a fine giugno una mobilitazione sindacale: evidentemente la situazione è davvero grave, e non solo per il braccio di ferro sul blocco dei licenziamenti. Per quanto il presidente del consiglio, nel corso dei suoi incontri europei di questi giorni, insista sul tasto della coesione sociale, nulla sembra rendere concreta questa ripetuta evocazione.

Tuttavia la mobilitazione sindacale di sabato può funzionare da spartiacque per il futuro dello stesso governo, dal momento che Pd e Art.1 sanno bene che è in gioco non solo la loro credibilità, bensì il significato stesso della loro presenza dentro questo anomalo governo. Bloccare i licenziamenti non è dunque solo un atto dovuto, dopo un anno e mezzo di paralisi da Pandemia, ma un messaggio a quell’Italia che si riconosce nel principio fondativo della Costituzione, a quella parte del paese che crede nella centralità e nella tutela del lavoro, un principio-cardine messo in discussione dal ventennio berlusconiano (che considerava la Costituzione una cartaccia comunista), in poi.

Un’appartenenza e una identità che, è bene ricordarlo, non ha nulla di ideologico. Anzi. Perché riguarda la sopravvivenza di milioni di persone (ridotte in povertà pur lavorando), perché coinvolge la vita sociale, protegge i diritti della maggioranza dei cittadini, alimenta l’economia di un Paese. Difficile capire come possano, le forze democratiche, progressiste, di sinistra, non rendersi conto che difendendo il lavoro, difendono anche la loro incerta sopravvivenza.

Dopo la pandemia al centro torna la povertà operosa

Lavoro. Mentre l’ora della «piena e buona occupazione» – ma quando mai c’è stata nella Storia? – con tutti i suoi corollari etici e antropologici non sembra in procinto di scoccare

Marco Bascetta  22.06.2021

Vi è una diffusa tendenza a considerare la pandemia come occasione imperdibile per affermare il proprio punto di vista ideologico, la giustezza delle proprie analisi e diagnosi sociali. Converrebbe tuttavia mantenere una certa prudenza nell’attribuire al Covid 19 questa o quella potenzialità rigeneratrice, laddove tutti gli indizi testimoniano di una restaurazione delle condizioni precedenti. Vi è dunque da dubitare che, come recita il titolo di un articolo di Laura Pennacchi uscito sul manifesto lo scorso venerdì, “con la pandemia, il lavoro si riprende il centro della scena”.

SUL SUPERAMENTO della recessione provocata dalla crisi sanitaria (la cui evoluzione resta comunque un’incognita), sul come, sul quando e sul quanto regna una totale incertezza. Cosicché l’ora della “piena e buona occupazione” con tutti i suoi corollari etici e antropologici non sembra in procinto di scoccare. Quello che empiricamente si è potuto constatare fino ad oggi è che la qualità del lavoro si è sempre rivelata inversamente proporzionale alla sua estensione. Circostanza che non costituisce problema solo per chi pensi che anche al lavoro più sfruttato e ingrato spetti l’onore di conferire identità. Se ci si sforzasse poi di indicare, a partire dalla rivoluzione industriale, dove e quando si sia data una fase di “piena e buona occupazione” ci si troverebbe in gravi difficoltà.

L’Urss degli anni 30? La Germania del riarmo? (non dimentichiamo che la guerra è stata da sempre spacciata per lavoro socialmente utile, Iraq e l’Afghanistan compresi) La fabbrica di Valletta o quella dell’operaio-massa? L’epopea dell’acciaio di cui ammiriamo oggi le rovine ambientali? Le miniere da Grosseto a Marcinelle? Insomma il lavoro andrebbe considerato in rapporto alla sua ruvida storia reale (anche quella attuale della logistica e del lavoro migrante) che non è certo quella della celebrata Ivrea di Olivetti. Cosicché almeno la riduzione della sua durata e l’automazione delle sue forme più usuranti dovrebbe essere accolta con favore da chiunque tenga in qualche conto la lezione di Marx. Quanto alla sinistra, invece, che dovrebbe raccogliere la bandiera della buona occupazione, si sta spendendo da anni nell’indebolirla e precarizzarla in nome della sua presunta salvaguardia condizionata dalla sacralità del rapporto tra costi e benefici.

IL LAVORO NON È stato oggetto di alcun “oscuramento teorico”, come sostiene Pennacchi, semmai di una ricerca che andava inseguendolo nelle sue metamorfosi, nella sua dispersione attraverso l’intero tessuto sociale, nella sua produttività senza riconoscimenti né retribuzioni. Prendiamo l’esempio della digitalizzazione spinta all’estremo dall’obbligo di distanziamento sociale che sta incrementando oltremisura le già immense ricchezze del capitalismo delle piattaforme. Una delle sue principali caratteristiche è il trasformare un certo numero di operazioni e faticose procedure in lavoro gratuito a carico degli utenti e a spese dell’occupazione (ricordate l’uso capitalistico delle macchine?).

Nonché di portare all’estremo lo sfruttamento dei lavoratori della logistica, fino alla brutale repressione delle lotte in corso in questo decisivo comparto. Il blocco imposto dall’epidemia non ha colpito tanto la manifattura, disposta a rischiare grosso e sappiamo con quali conseguenze, per non perdere quote di mercato e competitività, quanto i settori di attività legati alla vita relazionale di una società. Sia quelli fortemente commerciali indirizzati al turismo di massa e al tempo libero pagante, sia quelli a minore o nessuna redditività come la riproduzione sociale in tutte le sue articolazioni: la cura, l’educazione, le produzioni culturali, lo studio, la gestione di spazi collettivi, l’informazione e l’autoformazione.

L’INTERO VASTO mondo di quelle attività “informali” che nessuno certifica come “lavoro”, nessuno retribuisce e tantomeno “ristora” ma che costituiscono, a volerle osservare con attenzione e riconoscerne il peso, la forma attuale della “piena occupazione” (tutt’altro che “plebea”) cui manca reddito, non “lavoro”. Su quest’ultimo e il suo rapporto con la natura umana si discute da secoli e per secoli si continuerà a discutere. Ma nel mondo in cui viviamo a certificarne la realtà, il riconoscimento sociale e il diritto a una retribuzione non vi è altro che lo stato o il mercato: la coercizione più o meno blanda, la giungla dei rapporti contrattuali e la legge della domanda e dell’offerta. Possiamo naturalmente aggiungere il “volontariato”, vale dire quella estesa conversione di lavoro retribuito in lavoro gratuito in cambio di “identità” e fumose promesse con conseguenti benefici per il bilancio dello stato e i profitti delle aziende.

A QUESTO SCHEMA la pandemia non ha portato alcun cambiamento, nemmeno riguardo alla cruciale questione della proprietà intellettuale. Tra sblocco dei licenziamenti, per la gioia dei liberisti, e grandi opere, per quella degli statalisti, tra privatizzazioni “ristoratrici” degli spazi pubblici e strapotere dei giganti della rete, la ripresa si annuncia tutta sotto il segno dell’accumulazione.
In questo quadro la sequenza che pone esclusivamente l’ampliamento del lavoro salariato come premessa per le lotte del lavoro salariato medesimo in vista della sua propria emancipazione rischia di incidere ben poco sull’assetto sociale esistente e soprattutto sulla possibilità di trasformarlo.