FASCISMO: IL BRACCIO ARMATO DEL CAPITALISMO da THE NATION
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
4809
post-template-default,single,single-post,postid-4809,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.2.1,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.3,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

FASCISMO: IL BRACCIO ARMATO DEL CAPITALISMO da THE NATION

Chiamare la tattica di Trump per quello che è: fascista

I funzionari onesti hanno iniziato a usare la parola “f” per descrivere gli assalti del presidente alle città americane e il diritto al dissenso.

John Nicholscinguettio  28/07/2020

 

La polizia federale affronta i manifestanti di fronte al tribunale federale Mark O. Hatfield, nel centro di Portland, il 26 luglio 2020. (Spencer Platt / Getty Images)

Il procuratore generale deI Wisconsin Josh Kaul ha risposto in modo appropriato alla notizia che il presidente Trump intende inviare agenti federali a Milwaukee , mentre gli agenti di Trump continuano a creare caos a Portland, nell’Oregon.

Kaul ha usato la parola “f”.

“Durante questa amministrazione, e specialmente nelle ultime settimane, abbiamo assistito a un  Presidente che impiegava tattiche fasciste”, ha detto Kaul , “tra cui la sua demonizzazione degli immigrati, i suoi attacchi a comunità con grandi popolazioni minoritarie e i rappresentanti eletti di quelle comunità, l’uso palesemente illegale  della forza contro i manifestanti vicino alla Casa Bianca e lo spiegamento della polizia federale segreta a Portland sulle obiezioni degli ufficiali statali e locali ”.

Trump e i suoi apologeti affermano che le forze federali cercano semplicemente di riportare l’ordine nelle città americane che sono state teatro di proteste di massa contro la violenza della polizia e il razzismo sistemico. O che vengono schierati per combattere il crimine. Ma i notiziari di Portland, dove agenti hanno usato una forza eccessiva contro manifestanti pacifici e arrestato persone senza una probabile causa, smentiscono completamente tali affermazioni.

ALTRO DA JOHN NICHOLS

SENZA MEDICARE PER TUTTI, QUESTA NON È “LA PIATTAFORMA DEMOCRATICA PIÙ AUDACE NELLA STORIA AMERICANA”

Oggi 5:45

COME SPOSTARE BIDEN A SINISTRA

27 luglio 2020

MENTRE TRUMP MINACCIA LE CITTÀ, IL PROCURATORE DISTRETTUALE DI FILADELFIA SI PREPARA A SOSTENERE LO STATO DI DIRITTO

23 luglio 2020

Pagina dell’autore

Considera anche che Milwaukee non è solo una città ma il sito della prossima Convenzione Nazionale Democratica.

“In circostanze normali, accolgo con favore l’annuncio di ulteriori risorse federali per aiutare a risolvere e prevenire i crimini violenti in Wisconsin”, ha spiegato il procuratore generale . “Sfortunatamente, l’amministrazione Trump ha chiarito abbondantemente che è felice di politicizzare le forze dell’ordine; le azioni dell’amministrazione devono essere accolte con grande scetticismo. “

La preoccupazione di Kaul per la politicizzazione delle forze dell’ordine lo ha portato ad usare la parola “f” che molti funzionari evitano per descrivere le azioni di un presidente fuori controllo. ” Non uso la frase” tattiche fasciste “alla leggera”, ha spiegato. “Ma non esiste un modo più preciso per descrivere il ripetuto ricorso e l’incitamento di questa amministrazione al razzismo, alla xenofobia e alla violenza”.

Forse è stridente per alcuni sentire il capo delle forze dell’ordine di uno stato americano accusare il presidente e i suoi aiutanti di impiegare tattiche fasciste. Scrivendo sul New York Times la scorsa settimana, Michelle Goldberg ha messo in evidenza la cautela linguistica delle élite politiche e dei media con una rubrica intitolata: “I manifestanti vengono strappati dalle strade senza mandato. Possiamo ancora chiamarlo fascismo? ”

Kaul, scelse con cura le parole. Sapeva quello che stava dicendo ed aveva ragione a dirlo. Come ha osservato il commentatore della DC Mehdi Hasan su MSNBC la scorsa settimana, ” Il crescente autoritarismo e la violenza sponsorizzata dallo stato in questo paese dovrebbero preoccupare”. Avvertendo che “le scene di Portland, nell’Oregon, dovrebbero far scattare campanelli d’allarme” , chiese Hasan , “Stiamo ancora dicendo che questo non ricorda affatto il fascismo?”

Non ci dovrebbero più essere dubbi sul fatto che abbiamo raggiunto un punto in cui è necessario che i funzionari le chiamino tattiche fasciste e minacce fasciste. Gli avvertimenti non devono suggerire che abbiamo raggiunto il fascismo in piena regola, ma dovrebbero riconoscere, come fa il professore di storia dell’Università di Yale Timothy Snyder, in Politica estera , che ” può accadere negli Stati Uniti, e in parte è già successo, ma il resto non è necessario. “

Snyder sostiene: “Trump non può supportare il fascismo fino in fondo, non perché abbia delle virtù ma perché ha troppi vizi”. L’autore di On Tyranny e The Road to Unfreedom sostiene che l’amministrazione di Trump “ha bisogno di abbastanza fascismo per cavarsela, abbastanza da indebolire lo stato e la società in modo che le persone che Trump ammira, siano esse al Cremlino o nella sua cerchia, possano stare fuori dal carcere e fare i propri interessi.”

Ma Snyder non evita l’uso della parola “f”, come mostrato dal titolo del suo articolo “A Portland, i Baby Fascists hanno mostrato la loro faccia” – e nemmeno i funzionari accusati di sostenere lo stato di diritto .

Quindi Kaul ha usato la parola giusta. Come ha fatto il rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez di New York quando ha detto degli abusi della polizia segreta a Portland, “Qui è dove iniziamo a parlare di regimi autoritari e fascismo”. Come ha dichiarato il senatore Ron Wyden dell’Oregon quando ha dichiarato: “Il Congresso deve impedire a Donald Trump di dispiegare le sue tattiche fasciste in tutto il paese”. Come ha fatto il procuratore distrettuale di Filadelfia Larry Krasner, che ha denunciato “tattiche di divisione neofascista” quando ha annunciato la scorsa settimana che “chiunque, compresa   l’applicazione della legge federale, che attacca e rapisce illegalmente le persone dovrà affrontare accuse penali dal mio ufficio”.

Dettagliando “tattiche apparentemente illegali di truppe d’assalto che sono state utilizzate dalle forze dell’ordine federali a Portland” e il targeting di città come Filadelfia  che potrebbero determinare i risultati delle elezioni., il procuratore distrettuale di Trump :

Ha un ordine del giorno. È un’agenda immaginaria strettamente politica, razzista, divisiva, basata sulla paura. Tutta questa roba esce dal playbook fascista. Tutta questa roba viene fuori dal playbook suprematista bianco.

Ci saranno sempre quelli che affermano che la mera menzione di “tattiche fasciste” e “tattiche della divisione neofascista” vanno troppo oltre. Ma non riescono a riconoscere che il fascismo assume molte forme, come ha spiegato Henry Wallace, secondo vicepresidente di Franklin Roosevelt, nel suo rivoluzionario saggio del 1943, ” Il pericolo del fascismo americano “. Scrivendo durante la seconda guerra mondiale, quando questo paese era focalizzato sulla lotta al fascismo tedesco e italiano, Wallace avvertì: “Il fascismo è una malattia mondiale”.

Il pensiero fascista era tutt’intorno, anche negli Stati Uniti, osservò Wallace.

I fascisti americani sono più facilmente riconoscibili dalla loro deliberata perversione di verità e fatti. I loro giornali e propaganda coltivano attentamente ogni fessura della disunione, ogni crepa nel fronte comune contro il fascismo. Usano ogni occasione per impugnare la democrazia. Usano l’isolazionismo come uno slogan per nascondere il proprio imperialismo egoistico.

Wallace non era un allarmista. Era un realista. Ha usato il termine “fascismo americanizzato” per aiutare le persone a riconoscere che le tattiche e le minacce autoritarie non erano solo una preoccupazione straniera. Come spiego nel mio libro sulla lotta di Wallace contro il fascismo – all’estero e in patria – il vero pericolo arriva quando gli americani rifiutano di credere che ciò a cui stanno assistendo sia, in effetti, una manifestazione domestica della malattia mondiale.

Come potrebbero essere identificati i fascisti americani?

Sostengono di essere super-patrioti, ma distruggerebbero ogni libertà garantita dalla Costituzione. Richiedono la libera impresa, ma sono i portavoce del monopolio e dell’interesse acquisito. Il loro obiettivo finale verso cui è diretto tutto il loro inganno è quello di catturare il potere politico in modo che, usando il potere dello stato e il potere del mercato contemporaneamente, possano mantenere l’uomo comune nell’eterna soggezione.

Avvertendo che “la lotta secolare a livello mondiale tra fascismo e democrazia non si fermerà quando i combattimenti finiranno in Germania e in Giappone”, nel 1943 Wallace sostenne che la vigilanza era vitale nella lotta al fascismo americanizzato. Deve essere identificato e richiamato, perché “è una malattia infettiva e tutti dobbiamo stare in guardia contro l’intolleranza, il bigottismo e la pretesa di distinzione invidiosa”.

John NicholsCINGUETTIOJohn Nichols è  corrispondente per gli affari nazionali di The Nation e autore del nuovo libro The Fight for the Soul of the Democratic Party: The Enduring Legacy of Anti-Fascist, Anti-Racist Politics (Verso) di Henry Wallace . È anche autore di Horsemen of the Trumpocalypse: A Field Guide to the Most Dangerous People in America , di Nation Books, e coautore, con Robert W. McChesney, di People Get Ready: The Fight Against a Jobless Economy and a Citizenless Democrazia