Reddito di cittadinanza ed Europa del lavoro
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
1545
post-template-default,single,single-post,postid-1545,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.0.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.1.4,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Reddito di cittadinanza ed Europa del lavoro

Segnalo questi due articoli su reddito di cittadinanza ed Europa del lavoro.

Cordiali saluti,

Franco Aqueci

1) Riccardo EVANGELISTA, Polanyi, Hayek e le aporie del reddito di cittadinanza, “Economia e Politica”, www.economiapolitica.it, 30 marzo 2017

«Mentre in Italia la discussione è ancora in divenire, dal gennaio 2017 la Finlandia ha iniziato la sperimentazione del reddito di cittadinanza, fissato per l’occasione a 560 euro mensili. Da un primo sguardo emergono modalità di attuazione piuttosto singolari, se non stravaganti… per continuare a leggere clicca qui.

2) Pasquale TRIDICO, Può questa Europa essere pro-Labour?,”Economia e Politica”, www.economiapolitica.it, 3 aprile 2017

«La costituzione Italiana è una costituzione molto progressista, pro-labour, una delle più progressiste in Europa, orientata al lavoro, alla protezione dell’impiego, all’iniziativa pubblica, alla costruzione di un welfare state, alla rimozione degli ostacoli economici e sociali per la realizzazione di una democrazia sociale oltre che verso un notevole progresso civile… per continuare a leggere clicca qui.