MANOVRA: ELENCO DI TITOLI E OBIETTIVI da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
6624
post-template-default,single,single-post,postid-6624,single-format-standard,stockholm-core-2.2.0,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-7.9,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

MANOVRA: ELENCO DI TITOLI E OBIETTIVI da IL MANIFESTO

Manovra ma solo per titoli, Draghi media e rinvia

Palazzo Chigi. Questa legge di bilancio per Draghi è il battesimo del fuoco. Sin qui, grazie all’autorevolezza del suo nome, alla pandemia e a un contesto generale che relega la politica in una condizione di estrema debolezza, il premier non si è mai dovuto misurare con la complessità con cui si trova alle prese chiunque governi

Andrea Colombo  29.10.2021

Più che illustrare una legge di bilancio ieri Mario Draghi ne ha elencato i titoli e gli obiettivi. Per il resto tutto è rinviato a date da destinarsi. Qualcosa si capirà presto, perché una scelta su cosa fare con gli 8 mld destinati all’intervento sul fisco (più 4 invece già allocati) andrà fatta entro i prossimi mesi. Qualcosa invece resterà incerta più a lungo, perché i tempi del “dialogo” sulle pensioni si prolungheranno ben oltre l’approvazione della legge di bilancio. In ogni caso è evidente che buona parte delle scelte davvero rilevanti, non solo su fisco e pensioni ma anche sul rimaneggiamento che promette di essere radicale del RdC sono state rinviate.

Non è questo il primo governo che punta sul rinvio. Conte, anzi, aveva portato quella strategia a livelli quasi patologici. Però è la prima volta che lo fa Mario Draghi. Così come è la prima volta che il premier Draghi svicola dai problemi negandone l’esistenza, altra abitudine non proprio lodevole della politica italiana. Sentir dire che “Non c’è stata nessuna rottura con i sindacati” proprio mentre la Fiom proclamava lo sciopero evoca ricordi anche recenti che somigliano poco al metodo diretto, a volte anche brusco, adoperato sin qui dal premier.

Non è una coincidenza. Questa legge di bilancio per Draghi è il battesimo del fuoco. Sin qui, grazie all’autorevolezza del suo nome, alla pandemia e a un contesto generale che relega la politica in una condizione di estrema debolezza, il premier non si è mai dovuto misurare con la complessità con cui si trova alle prese chiunque governi. Le diverse esigenze, sia di bandiera che di rappresentanza sociale dei partiti, il peso delle forze sociali e l’ostacolo dei loro interessi spesso confliggenti e non ricomponibili solo evocando l’orizzonte della crescita.

In un primo momento Draghi ha tentato di sbrogliare la matassa con il celebre metodo di Gordio: poca mediazione e molto decisionismo. Stavolta si è dovuto rendere conto che quel metodo non può essere adoperato in ogni circostanza. Ha dovuto cercare una mediazione con i 5S di Conte sul Reddito, cedere alle insistenze del Pd, che non reggerebbe l’urto di uno sciopero generale, per cercare di recuperare un rapporto con i sindacati interrotto bruscamente meno di tre giorni fa con quel secco “Indietro non si torna”.

È un cambio se non della rotta almeno della velocità di navigazione inevitabile persino per Draghi, perché non si può governare un Paese complesso con lo stile adeguato in condizioni eccezionali come l’emergenza sanitaria. Ma per ora si è limitato, come molti suoi predecessori a prendere tempo. La capacità misurarsi con il mix di drasticità e capacità di mediare, decisionismo e ascolto, che costituisce l’anima della politica dovrà dimostrarla nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

 

I più penalizzati dalla pandemia sono i meno tutelati dal governo

Scenari. La disoccupazione e il precariato, per donne e giovani, preparano pensioni da fame. Il Piano del lavoro, e una pensione “di garanzia”, possono invertire la tendenza

Laura Pennacchi  29.10.2021

Le dichiarazioni in favore delle donne e dei giovani – i più penalizzati dalla pandemia: disoccupazione, precarietà, inattività –, nella riflessione che accompagna il varo del Documento Programmatico di Bilancio per il 2022, si sprecano. Ma poi per quanto riguarda una maggiore tutela pensionistica ci si dedica piuttosto a costosi interventi “a pioggia” (le Quote) e invece ben poco a misure di cui appunto possano beneficiare le donne e i giovani.

Eppure, poiché la situazione pensionistica è lo specchio dei passati percorsi occupazionali assai accidentati e tormentati per giovani e donne, se il governo ha inserito a monte del Pnrr le famose “condizionalità” (che prevedono che almeno il 30% delle nuove assunzioni li coinvolga), vuol dire che ha la consapevolezza della gravità della situazione. Pertanto non se la può cavare invitando i giovani ad avere “il coraggio di rischiare”, piuttosto dovrebbe essere conseguente. Sotto due profili.

Il primo riguarda la necessità di darsi un vero e proprio Piano per la creazione diretta di occupazione. Se è vero ciò che gli economisti ci insegnano, e cioè che la crescita è il frutto della somma dell’azione di due fattori: tasso di occupazione e tasso di produttività, poiché in Italia il basso tasso medio di occupazione complessiva, femminile e maschile, è interamente dovuto all’incredibilmente bassa occupazione femminile (perché il tasso medio di occupazione maschile risulta abbastanza in linea con gli standard europei), è la mancata occupazione femminile il vero handicap per la crescita.

La prospettiva va dunque rovesciata: non “alimentare la crescita sperando che ne scaturisca lavoro”, ma “creare lavoro per attivare la crescita, cambiandone al tempo stesso qualità e natura”. Non ci si può limitare a ricorrere prevalentemente a misure incentivanti volte a stimolare indirettamente la generazione di lavoro (incentivi fiscali, decontribuzioni, bonus, trasferimenti monetari, riduzioni del cuneo fiscale, ecc.), ma occorre adottare “piani diretti di creazione di occupazione” facendo di “programmazione” e ”capacità progettuale” le vere parole chiave.

Si potrebbe cominciare “condizionando” alla finalità della generazione di occupazione addizionale la mole di risorse che il Documento Programmatico prevede di erogare alle imprese in modo “incondizionato”: 4,1 miliardi di euro per il rifinanziamento del pacchetto 4.0, 2 miliardi per il caro bollette, almeno 3 miliardi per la riduzione dell’Irap, 1,9 miliardi di cancellazione del contributo unico per l’assegno al nucleo famigliare, ecc., e tutto ciò dopo che nei due anni pandemici 2020-2021, dei 180 miliardi di euro erogati per far fronte all’emergenza, 100 miliardi sono stati destinati alle imprese e alle famiglie e solo 40-50 al lavoro.

Il secondo profilo è strettamente connesso al precedente: data la relazione di “specchio” tra percorsi lavorativi e situazione pensionistica accentuata dal sistema di calcolo contributivo, se si è lavorato per periodi limitati (magari per non respingere il desiderio di maternità/paternità che dovrebbe essere considerato una funzione sociale), con retribuzioni più basse, con ripetute intervalli tra lavoro e non-lavoro, in condizioni di precarietà, al momento del ritiro la pensione che ne risulta non può che essere esigua, con il rischio per i più giovani che non raggiungano mai la soglia contributiva minima necessaria ad andare in pensione.

Per questo, nell’attesa che un Piano per la creazione di occupazione faccia maturare le condizioni per cambiamenti radicali, nell’immediato va istituita una “pensione di garanzia” per i giovani, una nuova forma di integrazione al minimo con un importo garantito variabile con la durata dell’attività e l’età del ritiro, che non costerebbe nulla nei prossimi anni e manifesterebbe un (limitato) aggravio sui conti pubblici solo a partire dal 2040 (quando la “gobba” della spesa pensionistica sarà stata quasi azzerata per l’entrata a pieno regime del sistema contributivo).

Peraltro, tutto ciò avrebbe il pregio di ripristinare lo “spirito” originario della 335 (la legge che istituì nel 1995 il sistema contributivo) che saggiamente parla non di equità “attuariale” (in base alla quale la pensione dipende unicamente da quanto si è versato e dall’età in cui ci si ritira), ma di equità “semiattuariale” e di conseguenza prevede il mantenimento di principi redistributivi al proprio interno, a cui corrisponderebbe la “pensione di garanzia” per i giovani.

Lo “spirito” originario della 335 è stato alterato dalla legge Fornero che ha immaginato una stretta applicazione del principio di equità “attuariale”, dimenticando che uno schema puramente attuariale (uno schema in cui ricevi di pensione esattamente il frutto di quanto hai risparmiato in contributi) risulta anche equo sul piano “sostanziale” solo se è tale il luogo in cui si formano le prestazioni pensionistiche future, ovvero il mercato del lavoro.

In realtà, chi ritiene che la previdenza debba basarsi unicamente su un rigido meccanismo di contro-prestazione (senza nessuna forma, neppure minima, di redistribuzione o di tutele in qualche modo garantite) sta implicitamente accettando come “giusta” ed immodificabile qualsiasi situazione critica o diseguaglianza che si crea nel mercato del lavoro.