DEMOCRAZIA SOSPESA. PAURA, DEPRESSIONE, IRRAZIONALITÀ da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
6953
post-template-default,single,single-post,postid-6953,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

DEMOCRAZIA SOSPESA. PAURA, DEPRESSIONE, IRRAZIONALITÀ da IL MANIFESTO

Democrazia sospesa. Per il Censis tristi passioni crescono

Il 55° rapporto. Paura, depressione, irrazionalità dopo 2 anni di pandemia e la speranza avventurosa in una politica dall’alto

Roberto Ciccarelli  04.12.2021

Nel 55° rapporto presentato ieri al Cnel dal Censis si parla di un paese impaurito dalla crisi innescata dalla pandemia con due milioni di famiglie in povertà assoluta, e un milione di poveri in più nel 2020, mentre solo il 27,8% degli interpellati considera le risorse stanziate dal «Piano di ripresa e resilienza» (Pnrr) elementi in grado di garantire occupazione e sicurezza economica.

È IL RACCONTO di una società dove si ritiene che le classi sociali siano scomparse, salvo una, la classe media impoverita e senza identità, il cui patrimonio continua a ridursi mentre permane un gap salariale non solo tra donne e uomini, ma anche tra under30 e over45 e tra contratti fissi e a termine. In questa società, dove il conflitto di classe è stato inteso come un’opposizione individuale, categoriale o corporativa tra classi che non hanno una coscienza di classe, l’assenza di un Welfare universalistico è supplita dalle pensioni degli anziani che fanno «il bancomat» per «figli e nipoti».

I BASSI SALARI, il precariato di massa e una sanità sperequata a livello regionale sembrano avere fatto crescere crescita le famiglie in cui coesistono genitori, figli e nonni. Tra il 2019 e il 2020 si contano 443 mila nuclei monogenitoriali con almeno un pensionato, aumentati in dodici mesi di 18 mila unità (+4,1%), a fronte di un calo nel periodo 2010-2019 di 36 mila unità (-7,8%). Lo chiamano «Silver Welfare». In realtà è un altro modo per usare le pensioni come un ammortizzatore sociale in assenza di tutele incondizionate e individuali.

CHI HA PAGATO il prezzo più salato sono stati, come sempre, le donne e i giovani. Tra il 2019 e giugno 2021 sono state 421 mila le donne ad avere perso o non avere trovato un lavoro. La retribuzione per una donna è inferiore del 18% rispetto alla media, mentre quella di un uomo è del 12% superiore. In base all’età dei lavoratori emerge una differenza di 45 euro tra un under 30 anni e un over 54. In queste condizioni si capisce perché solo il 15,2% degli interpellati pensa che dopo la pandemia la propria situazione economica sarà migliore. Per quasi uno su tre peggiorerà.

QUESTA PERCEZIONE è l’effetto di una politica economica. Il drastico ridimensionamento delle tutele del lavoro, ad esempio quelle contro i licenziamenti, non ha portato all’aumento dell’occupazione, ma a un effetto depressivo sulla domanda aggregata. L’altro aspetto, strettamente collegato, è l’istruzione. Nel rapporto emerge la sfiducia dei giovani nelle sue possibilità emancipatrici. A cosa serve studiare se comunque le paghe sono da fame? Mentre il mercato del lavoro è stato tarato sui bassi salari, tutte le «riforme» che hanno cercato di trasformare l’istruzione in un mercato della formazione just-in-time sono fallite. È rimasta la situazione descritta dal Censis: quasi un terzo degli occupati possiede al massimo la licenza media. Anche tra i poco meno di 5 milioni di occupati di 15-34 anni quasi un milione ha conseguito al massimo la licenza media, 2.659 milioni hanno un diploma (54,2%), 1.304 milioni sono laureati (26,6%). Considerando gli occupati con una età di 15-64 anni, la quota dei diplomati scende al 46,7% e quella dei laureati al 24,0%. Sono i dati tra i più bassi in Europa, effetto combinato della rinuncia a una politica sociale, oltre che di una industriale.

IL GIOCO dell’immaginario imbastito, a reti unificate, sull’acronimo impronunciabile «Pnrr» ricco di dobloni è stato usato per smuovere questo mondo mostrandogli un orizzonte ideale verso il quale proiettarsi. Il Censis rappresenta questa operazione, in maniera avventurosa, come «un cronoprogramma serio, non importa se dettato dai vincoli europei». Questi «vincoli» contano eccome, e sono così stringenti (sulla carta) da fare rimpiangere l’austerità permanente, dimenticata dalla retorica di dichiarare l’inizio di epoche nuove che, in realtà, replicano in peggio le vecchie. Sembra che la transizione (eco-digitale ecc.) dipenda dalla «politica» alla quale è chiesta una funzione di guida, e non l’«acquietamento di pensiero»

COME SE LA SOCIETÀ, anestetizzata dall’uso politico del complottismo, resterà per sempre subalterna. E ipnotizzata dai talk show.

Censis: l’uso della ragione per spoliticizzare i conflitti sociali

Complotti. Il complottismo è un problema politico, non una patologia, né l’irrazionalità che il Censis ritiene di osservare in “tre milioni” di italiani. È il risultato della mancanza di una liberazione politica e sociale

Roberto Ciccarelli  04.12.2021

Anche il Censis sventola lo spettro del «complottismo» considerato una manifestazione dell’«irrazionale», sintomo del «pensiero magico». Così facendo, dimostra un’idea pre-critica e impolitica della ragione. La società sarebbe un corpo organico guidato da una «saggezza razionale» (quale? La pax draghiana?). Oggi è «infiltrata dall’irrazionale». No vax, terrapiattisti, negazionisti dell’uomo sulla luna: sono «tre milioni».

In questa compagine ectoplasmatica il Censis vede il compimento della rappresentazione a cui lavora da tempo: quella di individuo competitivo passato dal «rancore» al «sovranismo psichico» fino alla negazione della «razionalità». Quando si spinge il discorso sulla società a un’alternativa schematica tra «razionali» e «irrazionali» viene da chiedersi a partire da quale norma parla chi giudica la razionalità degli altri.

Di solito è un’idea politica confusa con un trascendentale incontestabile. Ciò sembra autorizzare a mettersi in cattedra e condannare la logica illogica dei «complottisti» che chiedono più e meno Stato; più autorità mentre sospettano di ogni governo; criticano il capitalismo e rivendicano la proprietà su se stessi. L’idea sottostante è che il complottismo è un crampo psichico, mentre è la manifestazione della crisi del «progresso» descritto dal Censis. Il confine tra razionale e irrazionale è deciso da chi ha il potere e usa i complotti. Prendiamo la «teoria del grande rimpiazzamento» causato «dall’arrivo degli immigrati» ai danni «dell’identità» nazionale. È citata dal Censis come prova dell’«irrazionalità».

Chi la pratica non è solo un lunatico manipolato. Questa ideologia politica poli forme circola tra le forze politiche al governo, e all’opposizione, nella razionalissima sfera della democrazia parlamentare, la stessa che sostiene «i vaccini efficaci» e «il piano di rilancio finanziato dall’Unione Europea», considerate due «vittorie della ragione». Ma di quale ragione? Quella di chi se la può permettere, I vaccini escludono mezzo mondo e il «Pnrr» è ispirato a orientamenti economici discutibili. Non basta evocare il «reale» per farlo funzionare. Ci penserà la realtà.

Il complottismo è un problema politico, non una patologia. È il risultato della mancanza di una liberazione politica e sociale. Per questo è usato dagli esclusi per urlare il loro impotente isolamento. E da chi sta al governo per negare ogni legittimità all’opposizione. Dopo due anni di pandemia dovremmo sottrarci a questo gioco di specchi, strumento della depoliticizzazione di massa.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.