Officina dei saperi | Le nostre parole appuntite
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
2863
post-template-default,single,single-post,postid-2863,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Le nostre parole appuntite

di Piero BEVILACQUA
*

Le nostre parole,

le nostre parole appuntite

lungamente levigate

sono pallottole di carta

contro le alte mura di Tebe.

 

Neanche il suono si sente

del loro cadere,

ai piedi della città.

 

Si ammassano come rifiuti

tra noi,

sempre più sparuti assedianti,

mentre dall’alto salgono urla al cielo.

 

Ma il tempo forma strato su strato

le sue torri.

Un mattino arriverà

che toccheranno gli alti orli delle mura.

 *

[In apertura: immagine dello spettacolo teatrale Sette contro Tebe, di Eschilo, regia e adattamento testo di Marco Baliani, https://www.dismappa.it/sette-contro-tebe-il-teatro-romano-ospita-il-teatro-greco/]