Officina dei saperi | Riunionite. Di Scandurra
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
2609
post-template-default,single,single-post,postid-2609,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Riunionite. Di Scandurra

Pubblichiamo una pagina, scritta qualche anno fa, che Enzo Scandurra ha ritrovato nel suo PC. Per ridere un po’.

*

Ciao a tutti,

mi raccomando di essere tutti presenti a Firenze il 31 febbraio (non è un errore, abbiamo chiesto di allungare il mese per poter fare più riunioni) per valutare le proposte emerse nella riunione di Palermo, dove avevamo messo a punto il programma già concordato nella riunione di Torino rispetto alla quale alcuni compagni, nell’assemblea di Campobasso, avevano sollevato riserve. Per chi comunque non avesse partecipato alle precedenti riunioni di Siracusa e di Pordenone, è disponibile nel sito la videoregistrazione dei compagni di Cosenza e i commenti arrivati dagli amici di Matera. Non sono presenti all’appello i compagni di Bologna alcuni dei quali trovati assiderati e in fin di vita mentre tentavano di scavalcare l’Appennino sotto una tormenta nevosa. A loro va il nostro saluto.

Adesso vorrei girarvi una proposta che mi è arrivata dal Ceo Moretti di Trenitalia. Il Ceo mette a disposizione una freccia non stop per tutti i compagni interessati a partecipare alle numerose riunioni che si svolgeranno in tutte le parti del territorio italiano. L’abbonamento è automatico perché l’INPS considerata l’età media dei compagni (praticamente tutti in pensione), preleverà l’importo dalle stesse pensioni senza oneri aggiuntivi. Non ci sembra il caso di mancare un’offerta così vantaggiosa.

Non tutti siamo d’accordo con gli interventi dei compagni di Alcamo, come bene hanno fatto rilevare gli amici di Trieste occorre dare “gambe al movimento” mentre quelli di Alcamo sostenevano una tesi opposta: “dare movimento alle gambe”. Pertanto alcuni gruppi si sposteranno nelle campagne di Battipaglia tradizionalmente abbandonate e vittime dei venti forti che l’attraversano. Le abbondanti nevicate di questi giorni rendono precari gli incontri intorno a Bologna. I compagni alpini di varie zone con tanto di mute di cani pastori, si sono detti disponibili a fare da guida per consentire lo svolgimento di assemblee nelle zone innevate.

La società Costa si è offerta di metterci a disposizione un’intera nave da crociera per riunioni particolarmente affollate. La nave è attualmente parcheggiata davanti l’Isola del Giglio.

P.S. Sono un compagno calabro-lucano, scusate compagni ma ho perso le ultime 14 riunioni nazionali; posso ancora partecipare alle prossime? Sono rimasto indietro? Mi potete fare avere gli ultimi aggiornamenti dopo la riunione di Napoli di una settimana fa?

In apertura, immagine tratta da https://www.zic.it/